Vai al contenuto

Il colpo più surreale nella storia dei casinò

Gli assalti ai casinò sono sempre stati uno dei classici della storia del cinema. Un tema ricorrente che è stato rappresentato in innumerevoli film di Hollywood. Poco più di un anno fa è stato rilasciato “Ocean’s 8”, la versione femminile della trilogia di Ocean’s di Steven Soderbergh. Il primo film della saga, “Ocean’s Eleven“, con protagonisti George Clooney, Brad Pitt, Matt Damon, Andy García e Julia Roberts, è un adattamento del film del 1960 diretto dal regista di origine moldava Lewis Milestone. Il film racconta la storia di Danny Ocean, un carismatico rapinatore che, appena 24 ore dopo aver scontato una condanna in prigione, decide di compiere il colpo ai casinò più importanti della storia. Per raggiungere il suo obiettivo, Ocean riunisce una squadra di undici rapinatori specializzati in diversi settori.

La storia di “Ocean’s Eleven” si concentra sulla rapina ai casinò più importanti di Las Vegas: The Mirage, MGM Grand Las Vegas e Bellagio. Nonostante ciò, la maggior parte delle riprese del film si è svolta al Bellagio, uno dei grandi iconi della città del gioco sin dalla sua apertura nel 1998. Un luogo di intrattenimento di lusso, come quello che sarà costruito a Vila-seca e Salou, che è stato anche testimone di diversi tentativi di rapina nella vita reale da parte di truffatori che cercavano di imitare i protagonisti della mitica saga di Hollywood. Nel 2010, uno studente di 29 anni di buona famiglia di nome Anthony Carleo ha compiuto uno dei colpi più surreali nella storia dei casinò.

Un ladro di buona famiglia

Anthony Carleo è cresciuto circondato da auto di lusso, abiti eleganti e grandi case, una serie di lussi che la sua famiglia aveva ottenuto con fatica. Il giovane aveva nel padre, il giudice George Assad, il modello perfetto di come un uomo potesse farcela nella vita con costanza e duro lavoro. Tuttavia, Carleo ha trascorso vent’anni della sua vita a Pueblo, una città nello stato americano del Colorado, dedicandosi senza successo a ogni tipo di attività commerciale. Ha aiutato nella gestione di un bar di famiglia, ha avviato un’attività di limousine e ha persino lavorato come DJ, ma ha anche contrabbandato marijuana, cocaina, ossicodone ed ecstasy. Una vita di eccessi in cui è stato coinvolto in numerosi problemi legati allo spaccio di droga. Carleo ha alla fine lasciato la città per stabilirsi a Las Vegas, dove suo padre viveva.

A 29 anni, si trasferì in una camera per gli ospiti nella casa dove suo padre viveva a Las Vegas per iniziare una nuova vita. Iniziò a studiare presso l’Università del Nevada con l’obiettivo di specializzarsi in medicina e cercò di mantenere la sua vita sulla retta via per non deviare dal percorso. Per farlo, mise una foto di sua cugina Augie, deceduta a causa di un’overdose, sul suo comodino per ricordarsi di come avrebbe potuto finire la sua vita. Quella vita non durò a lungo, poiché si coinvolse in varie attività legate al traffico di droga a Las Vegas.

Una fantasia diventata realtà

Alla fine di novembre 2010, durante una pausa di due settimane dalle lezioni, Carleo si trovò con troppo tempo libero e da solo in una città come Las Vegas. “Mi svegliavo ogni giorno e dovevo trovare qualcosa da fare”, ha commentato nella sua intervista alla prestigiosa rivista Rolling Stone. Con 30.000 dollari in tasca, iniziò a frequentare i principali casinò della città, in particolare il Bellagio, nella speranza di raddoppiare i suoi soldi. Le scommesse, il poker e il blackjack, una serie di giochi che attualmente si possono trovare nel mondo online grazie ai casinò online Svizzera, fecero sprofondare Carleo in un buco senza via d’uscita. In quel momento di disperazione, gli venne in mente una fantasia: cosa succederebbe se mi avvicinassi a un tavolo e prendessi tutte le fiches?

Due notti dopo, Carleo ricevette un invito dal Casinò Suncoast per giocare a poker. Questo modesto casinò situato vicino alla sua residenza era il luogo perfetto per il suo piano. Nella sua situazione economica, non poteva permettersi di giocare nell’istituzione di intrattenimento, quindi decise di rapinare il banco del modesto casinò. Parcheggiò la sua moto all’ingresso, entrò ed uscì prima che arrivasse la sicurezza o la polizia con 19.000 dollari in contanti. Una rapina che gli fece capire quanto fosse facile ottenere denaro in un casinò. Cinque giorni dopo, compì la stessa operazione al Bellagio, ma questa volta il bottino consisteva in migliaia di fiches valide solo all’interno del casinò stesso.

Cambiare le fiches del casinò per 1,5 milioni di dollari

Carleo tornò al Bellagio una notte dopo il furto delle fiches. Il mitico casinò di Las Vegas annullò le fiches più alte che erano state rubate (25.000 dollari). Queste fiches erano anche dotate di un sistema di radiofrequenza, quindi solo i giocatori che le avevano in loro possesso prima del furto potevano incassarle. Le fiches da 25.000 dollari valevano un milione di dollari per Carleo, che si dovette accontentare di cambiare le 400.000 dollari in piccole fiches che aveva tra le mani, anche se avrebbe dovuto farlo nel casinò che aveva rapinato una notte prima e con tutta la sicurezza concentrata su di lui.

I tavoli con scommesse alte erano l’ideale per cambiare le fiches rapidamente. Tuttavia, questi tavoli sono fortemente controllati dai casinò e di solito sono frequentati sempre dagli stessi giocatori, quindi i croupier li conoscono bene. Carleo era un volto nuovo di cui non si avevano riferimenti a quei livelli, quindi un croupier iniziò a sospettare della sua attività e si mise in contatto con gli investigatori assegnati al caso del Bellagio: Sam Smith e Jason Nelson.

I sospetti si sono rivelati fondati quando Carleo rimase senza soldi e commise l’errore di vendere le fiches da 25.000 dollari al di fuori del casinò. Si registrò nel forum di poker TwoPlusTwo e contattò un utente interessato alle fiches che alla fine lo denunciò alla polizia di Las Vegas. Un agente sotto copertura si recò al Bellagio fingendosi un acquirente e Carleo cadde nella trappola della polizia. Il 2 febbraio 2011 fu arrestato e condannato a nove anni di reclusione, che sta attualmente scontando nel penitenziario di Lovelock, nello stato del Nevada.

Non ha ancora votato nessuno.

Che ne pensi di questo articolo?

Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso.
pagare.online
Il nostro network informativo: Lipercubo.it - Pagare.online - Trovalost.it.