Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Vai al contenuto

Che cos’è la mano invisibile di Adam Smith



In sintesi, la teoria della mano invisibile sostiene che l’interesse personale, la competizione e il mercato libero possono contribuire al benessere generale della società senza che sia necessaria una regolamentazione centralizzata. Tuttavia, è importante notare che questa teoria è stata oggetto di dibattito ed è stata applicata in modo vario nelle diverse scuole di pensiero economico nel corso degli anni. Alcuni ritengono che il libero mercato possa avere limiti e che in alcuni casi sia necessaria un’intervento governativo per correggere le imperfezioni del mercato o per promuovere l’equità sociale.

La teoria della “mano invisibile” è un concetto chiave nell’ambito dell’economia ed è stato formulato dallo studioso scozzese Adam Smith nel suo libro del 1776 intitolato “La ricchezza delle nazioni” (“The Wealth of Nations”). La “mano invisibile” è una metafora che Smith ha utilizzato per spiegare il funzionamento del libero mercato e il ruolo dell’interesse personale nel promuovere il benessere della società nel suo insieme. Ecco una spiegazione più dettagliata della teoria della mano invisibile:

  1. Interesse personale: Smith ha sottolineato che gli individui agiscono spinti dal loro proprio interesse personale. Le persone cercano di massimizzare il loro benessere economico e tendono a prendere decisioni che ritengono siano nel loro interesse finanziario.
  2. Offerta e domanda: Nella teoria della mano invisibile, Smith afferma che quando le persone cercano di perseguire i loro interessi personali, come produttori o consumatori, finiscono per influenzare l’offerta e la domanda di beni e servizi in un’economia.
  3. Concorrenza: In un libero mercato competitivo, diversi produttori cercano di offrire beni o servizi migliori e più convenienti per attirare i consumatori. Questa concorrenza porta a una migliore qualità e a prezzi più bassi.
  4. Equilibrio di mercato: La mano invisibile opera attraverso il meccanismo dell’equilibrio di mercato. Quando offre e domanda si incontrano, si raggiunge un punto di equilibrio in cui i prezzi sono stabili e il mercato funziona in modo efficiente.
  5. Beneficio collettivo: L’idea chiave della mano invisibile è che, anche se le persone cercano di massimizzare il proprio interesse personale, ciò può portare al beneficio collettivo. Smith sosteneva che quando le persone perseguono i loro interessi personali nei mercati competitivi, il risultato finale è una maggiore produzione, una distribuzione più efficiente delle risorse e un miglioramento complessivo del tenore di vita per l’intera società.

 

Sebbene la teoria della mano invisibile abbia fornito una base importante per la comprensione del funzionamento dei mercati e dell’efficienza economica, è stata oggetto di dibattito e contestazione per le sue limitazioni e il suo presunto eccessivo focus sulla sola efficienza a scapito di altre considerazioni sociali ed etiche. Gli economisti e i policy maker continuano a discutere sull’equilibrio tra il libero mercato e la regolamentazione governativa necessaria per affrontare questioni economiche e sociali complesse. La teoria della “mano invisibile” di Adam Smith è stata oggetto di contestazioni e critiche nel corso dei decenni da parte di vari economisti, studiosi e attivisti. Ecco alcune delle principali critiche e contestazioni rivolte a questa teoria:

  1. Imperfezioni di mercato: Una delle principali critiche alla teoria della mano invisibile è che essa presume che i mercati siano perfetti e che la concorrenza sia sempre efficace nel promuovere il benessere sociale. Tuttavia, in molti casi, i mercati possono essere caratterizzati da imperfezioni, come il potere di mercato monopolistico, l’asimmetria delle informazioni o i costi esterni non internalizzati. In queste situazioni, il libero mercato potrebbe non portare automaticamente a risultati socialmente desiderabili.
  2. Disuguaglianza: Un’altra critica riguarda l’aspetto della disuguaglianza economica. La teoria della mano invisibile si concentra sull’efficienza economica, ma non necessariamente sulla giustizia sociale. Alcuni ritengono che il libero mercato possa portare a una distribuzione dei redditi e della ricchezza estremamente disuguale, con ricadute negative sulla coesione sociale e sull’equità.
  3. Bene pubblico e beni comuni: La teoria della mano invisibile tratta principalmente dei beni privati e dei mercati privati. Tuttavia, esistono anche beni pubblici e beni comuni, come l’aria pulita o le risorse naturali, che possono essere esauriti o danneggiati dall’azione egoistica. Questi problemi richiedono spesso un intervento pubblico per la loro gestione sostenibile.
  4. Crisi finanziarie: Le crisi finanziarie e le bolle speculative, come quella che ha portato alla Grande Recessione del 2008, hanno sollevato dubbi sulla capacità dei mercati finanziari di autoregolarsi efficacemente. Alcuni sostengono che in tali situazioni, l’intervento regolamentare sia essenziale per prevenire il crollo dell’intero sistema finanziario.
  5. Sviluppo sostenibile e cambiamenti climatici: Nel contesto dei cambiamenti climatici e della crescente preoccupazione per l’ambiente, la teoria della mano invisibile è stata criticata per non affrontare adeguatamente la necessità di regolamentazioni ambientali per evitare danni irreversibili all’ambiente.
  6. Aspetti sociali e culturali: Alcune critiche riguardano l’aspetto umano delle decisioni economiche. La teoria della mano invisibile si basa sull’assunzione che gli individui agiscano razionalmente e in modo egoistico, ma spesso le persone prendono decisioni influenzate da fattori sociali, culturali ed emotivi che possono sfuggire a questa logica.

Foto di copertina di Etching created by Cadell and Davies (1811), John Horsburgh (1828) or R.C. Bell (1872). – http://www.library.hbs.edu/hc/collections/kress/kress_img/adam_smith2.htm, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=497250

Non ha ancora votato nessuno.

Che ne pensi di questo articolo?





Questo sito contribuisce felicemente alla audience di sè stesso.
pagare.online
Pagare.online by Capolooper.it is licensed under CC BY 4.0 - Il nostro network: Lipercubo - Pagare.online - Trovare l'host.