Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Vai al contenuto

Cosa sono reverse change (e reverse change interno)



Un “reverse charge” (o “inversione contabile” in italiano) è un meccanismo fiscale utilizzato in alcuni paesi per spostare la responsabilità dell’IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) dal fornitore al destinatario della merce o dei servizi. Ciò significa che il destinatario è tenuto a calcolare e pagare l’IVA al posto del fornitore. Questo meccanismo è spesso utilizzato per prevenire frodi fiscali e per semplificare la riscossione dell’IVA in determinati settori o situazioni.

Differenza tra reverse change e reverse change interno

  1. Reverse Charge: Questo è il termine generico per il meccanismo di inversione contabile. In un sistema di reverse charge standard, il destinatario di beni o servizi è responsabile per il pagamento dell’IVA al luogo del fornitore.
  2. Reverse Charge Interno: Questo termine si riferisce a un tipo specifico di reverse charge che si applica solo alle transazioni domestiche all’interno di un paese. In altre parole, si verifica quando il destinatario e il fornitore sono entrambi situati nello stesso paese, ma il meccanismo di reverse charge è comunque utilizzato per spostare la responsabilità dell’IVA al destinatario. Il reverse charge interno è spesso applicato in situazioni in cui il governo vuole monitorare o controllare le transazioni in settori a rischio di evasione fiscale.

In sintesi, il “reverse charge” è un meccanismo fiscale in cui il destinatario paga l’IVA al posto del fornitore, e il “reverse charge interno” è una specifica applicazione di questo meccanismo all’interno di un paese per transazioni domestiche.

Non ha ancora votato nessuno.

Che ne pensi di questo articolo?





Questo sito contribuisce felicemente alla audience di sè stesso.
pagare.online
Pagare.online by Capolooper.it is licensed under CC BY 4.0 - Il nostro network: Lipercubo - Pagare.online - Trovare l'host.