Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Vai al contenuto

Come riconoscere l’oro (metodi pratici)



Riconoscere l’oro autentico può essere importante, specialmente quando si tratta di gioielli o investimenti. Ricorda che anche se alcuni di questi metodi possono fornire indicazioni sulla presenza di oro, solo un test professionale può garantire la sua autenticità e la sua purezza con certezza. Se hai dubbi sull’oro che possiedi, rivolgiti a un esperto qualificato per una valutazione accurata. Inoltre è importante sottolineare che molti di questi test possono fornire solo indicazioni approssimative sulla presenza di oro, ma non possono garantire la purezza o l’autenticità al 100%. La valutazione da parte di un gioielliere professionista o di un esperto in metalli preziosi è sempre il metodo più sicuro per verificare la genuinità dell’oro.

Ecco alcuni metodi comuni per verificare se un oggetto è fatto di oro. Fate attenzione a fare uso di questi sistemi per oggetti che potrebbero logorarsi o rovinarsi e perdere definitivamente valore: non tutti i metodi sono adatti a inesperti e naturalmente non possiamo assumerci responsabilità di alcun genere per la perdita o il danneggiamento di oggetti d’oro dovuti a vostra imperizia. Questo articolo è scritto esclusivamente a scopo divulgativo, e per la sicurezza è meglio rivolgersi ad orafi esperti.



  1. Test professionale: La migliore opzione per garantire l’autenticità dell’oro è farlo valutare da un gioielliere o da un esperto in metalli preziosi. Questi professionisti possono utilizzare tecniche avanzate per identificare la purezza dell’oro con precisione.
  2. Marca di purezza: Controlla se sull’oggetto è presente un marchio o un numero che indica la purezza dell’oro. In molti paesi, gli oggetti d’oro autentici avranno un timbro che indica la percentuale di oro puro (ad esempio, “750” per 18 carati o “585” per 14 carati).
  3. Acid Test (test con l’acido): Questo è un test comune utilizzato dai gioiellieri. Si applica una goccia di acido per gioielli a una parte nascosta dell’oggetto e si osserva la reazione. L’acido reagirà diversamente a seconda della purezza dell’oro, e la reazione determinerà la caratura approssimativa.
  4. Test del magnete: L’oro è un metallo non magnetico, quindi se un oggetto viene attratto da un magnete, è molto probabile che non sia oro puro. Tuttavia, questo test non è sicuro al 100% poiché alcuni oggetti d’oro potrebbero contenere materiali magnetici.
  5. Test del peso e della densità: L’oro è noto per essere un metallo denso. Puoi pesare l’oggetto e calcolarne la densità (peso diviso per volume) per ottenere un’indicazione approssimativa della sua autenticità. Questo test è un altro metodo per verificare l’autenticità dell’oro e si basa sulla caratteristica densità di questo prezioso metallo. L’oro è noto per essere uno dei metalli più densi, il che significa che ha un peso specifico superiore rispetto a molti altri materiali. Utilizzando questo test, puoi ottenere un’indicazione approssimativa della presenza di oro puro o della percentuale di oro in un oggetto.
  6. Test del nitruro di boro: Questo test è più sofisticato e richiede l’uso di apparecchiature specializzate. Si basa sulla misurazione della resistenza elettrica dell’oggetto per determinarne la composizione.
  7. Test dell’acidità con pietra di touchstone: Questo test coinvolge l’uso di una pietra di touchstone (una pietra nera speciale) sulla quale viene strofinato l’oggetto in questione per produrre una traccia. Poi, viene applicato l’acido per gioielli sulla traccia. La reazione chimica tra l’acido e l’oro determinerà il colore della traccia e fornirà un’indicazione della caratura approssimativa.
  8. Test del raggio X o test radiografico: Questo è un metodo più avanzato che coinvolge l’uso di apparecchiature a raggi X per penetrare l’oggetto e determinare la sua composizione interna. Gli oggetti d’oro avranno una firma radiografica caratteristica che può essere confrontata con gli standard noti.
  9. Test del neodimio: Questo test utilizza un magnete al neodimio molto più potente rispetto a un normale magnete. L’oro puro non viene attratto da un magnete al neodimio, quindi se l’oggetto viene respinto, è probabile che contenga oro autentico.
  10. Test del galleggiamento: Questo metodo sfrutta il fatto che l’oro ha una densità superiore rispetto a molti altri metalli. Riempire un contenitore con acqua e farvi cadere l’oggetto d’oro. Se l’oggetto affonda completamente, è probabile che sia oro puro o con una percentuale significativa di oro. Se galleggia o resta in sospensione, potrebbe contenere altri metalli o essere placcato.
  11. Test del fuoco: Questo metodo antico coinvolge il riscaldamento dell’oggetto d’oro su una fiamma o in un bruciatore. L’oro non cambierà colore o si ossiderà, mentre i materiali meno nobili possono alterarsi. Il “Test del fuoco”, anche conosciuto come “Test del riscaldamento”, è un metodo semplice ma rudimentale per riconoscere alcuni metalli, tra cui l’oro, basato sul comportamento del metallo quando viene esposto al calore. Questo test è stato utilizzato fin dai tempi antichi per identificare i metalli, ma va eseguito con cautela e solo su oggetti che possono essere sacrificati, poiché comporta il riscaldamento dell’oggetto in questione.

Foto di Git Stephen Gitau: https://www.pexels.com/it-it/foto/foto-del-primo-piano-degli-anelli-d-oro-1670723/

Non ha ancora votato nessuno.

Che ne pensi di questo articolo?



Questo sito contribuisce felicemente alla audience di sè stesso.
pagare.online
Pagare.online by Capolooper.it is licensed under CC BY 4.0 - Il nostro network: Lipercubo - Pagare.online - Trovare l'host.