Rubare i dati di una carta di credito? E’ più facile di quanto pensiate. Lo ha dimostrato Yusuke Taniguchi, 34 anni, cassiere di un centro commerciale di Tokio che ha, presumibilmente, rubato le informazioni delle carte di credito usando, invece di un intricato skimmer per carte elettroniche o di elaborate truffe online, lo strumento più inimmaginabile ed impercettibile su oltre 1300 clienti: la sua “memoria fotografica“.

Le persone che conoscono Taniguchi hanno confermato che lo stesso ha una magnifica memoria di questo tipo. il cassiere ha memorizzato le informazioni della carta di credito del cliente nel breve tempo impiegato per l’acquisto della marce. Pochi secondi e tutte le informazioni erano già nella sua testa: nome e cognome, numero della carta, scadenza e codice di sicurezza. Con questi dati entrava negli e – commerce ed acquistava. Il tutto a carico dell’ignaro malcapitato.

Per fortuna eccelleva in memoria, ma non in astuzia. Ciò che lo ha incastrato è stato il fatto che tutti gli ordini che effettuava venivano spediti a casa sua. La polizia, sostituendosi al corriere in un ordine di borse del valore di circa 2600 dollari, lo ha potuto incastrare facilmente. Pare che tutta la merce comprata veniva poi rivenduta ad un banco dei pegni. Con il ricavato Taniguchi si pagava affitto e viveri.

E’ COSI’ SEMPLICE RUBARE I DATI DI UNA CARTA DI CREDITO?

Magari non siamo tutti degli Yusuke Taniguchi, con una memoria eidetica eccellente, ma il trucco è di così facile utilizzo che basterebbe avere per qualche secondo la carta di credito di qualcuno e poterle fare delle foto oppure annotare tutti i suoi dati.

Per fortuna esistono servizi come il MasterCard SecureCode, che aggiungono livelli di sicurezza agli acquisti online. Il MasterCard SecureCode “è un protocollo di sicurezza che permette all’utente di associare alla propria carta MasterCard una password personale e segreta (il SecurCode) che gli verrà richiesta per autenticare la transazione di pagamento ogni volta che effettuerà un acquisto online su un sito convenzionato”.

Nessuna valutazione, per ora.

Cosa ne pensi?