Salve, vorrei un caffè ristretto.

Richiesta del tutto lecita che molti di noi, prima di andare in ufficio o iniziare il lavoro, tendono a fare al barista di fiducia: e quando non abbiamo spiccioli, a qualcuno potrebbe venire in mente quel vecchio portafoglio in bitcoin che abbiamo fermo da un po’. Sul quale, probabilmente, ci sono pochissimi centesimi: giusto quello che ci serve per un caffè.

Il problema pero’ è sostanziale: per quanto BTC (bitcoin) sia la criptovaluta ideale per qualsiasi tipo di transazione (con i limiti dovuti al tempo necessario per la transazione ed alla manualità delle app per effettuare e ricevere il pagamento), in alcuni casi potrebbero volerci ore, se non giorni, perchè la transazione si concluda.

Io: OK, eccole 90 centesimi, glieli pago in bitcoin (corrispondono a 0.00016560 BTC). Giusto un paio d’ore che la transazione si chiude, eh. Bastano un paio di conferme… ed il pagamento le arriva.

Barista: …eh?

In pratica i tempi per le transazioni in BTC possono essere brevi o lunghi, non è preventivabile: per cui ci sono delle interessanti considerazioni da fare sull’argomento. In breve: per pagare un caffè sarebbe meglio utilizzare Bitcoin Lightning, una criptovaluta che deriva da BTC classico e che permette di effettuare transazioni istantanee. Quello che serve per un buon caffè senza far saltare i nervi al barista, in pratica.

Si può creare un proprio portfolio e comprare BTC lighting (BCH) direttamente lì, facendo attenzione che si tratta di software in beta che potrebbe essere affetto da errori non prevedibili, almeno al momento in cui scriviamo.

Per comprare Bitcoin Lightining basta acquistarli su un sito di exchange come Coinbase.

5/5 (1)

Cosa ne pensi?