Ecotassa auto: quanto costa e chi deve pagarla?

L’ecotassa è un tributo una tantum che coloro che acquistano automobili particolarmente inquinanti sono dovuti a pagare in concomitanza dell’acquisto stesso. Vediamo quali sono le categorie di auto interessate e qual è l’importo da pagare.

Cos’è l’ecotassa e cos’è cambiato dal 2020.

Chi di voi ha acquistato un’automobile a benzina o diesel di grossa cilindrata nel 2021 avrà quasi sicuramente avuto a che fare con l’ecotassa. Lo scopo della tassa è quello di disincentivare l’acquisto di automobili particolarmente inquinanti e, tra le righe, mettere una sorta di balzello fiscale sulle automobili di lusso e a grossa cilindrata cui generalmente questi veicoli sono compresi.

In realtà questo provvedimento fiscale esiste già dal 2019 ma, rispetto ai due anni precedenti, per il 2021 sono state cambiate alcune cose relative al metodo di rilevamento delle emissioni inquinanti. E’ stato infatti abbandonato il vecchio metodo di misurazione delle emissioni di CO2, basato sul ciclo di omologazione NEDC (New European Driving Cycle), sostituendolo con il ciclo WLTP (Worldwide Harmonized Light Vehicles Test Procedure). In questo modo le auto saranno testate con un metodo riconosciuto globalmente e non solo a livello europeo e le procedure stesse del test risultano essere più precise e severe.

Per calcolare l’importo da pagare, le automobili sono state divise in fasce di emissione (dato riscontrabile sul libretto di circolazione) e i possessori di quelle appartenenti alle categorie più inquinanti saranno tenute ad onorare la tassa.

Chi deve pagare l’ecotassa?

Chi acquista automobili che emettono fino a 190 g/km di CO2 non deve pagare nulla. Quindi, se siete in procinto di acquistare un’utilitaria, un’auto di media cilindrata o un piccolo SUV, potete stare tranquilli perchè non sarete soggetti ad alcun pagamento.

Le cose cambiano drasticamente superata questa soglia limite:

  • Le automobili con emissioni omologate tra i 191 e i 210 g/km di CO2 sono soggette ad una tassa di 1.100 euro;
  • Le automobili con emissioni omologate tra i 211 e i 240 g/km di CO2 sono soggette ad una tassa di 1.600 euro;
  • Le automobili con emissioni omologate tra i 241 e i 290 g/km di CO2 sono soggette ad una tassa di 2.000 euro;
  • Le automobili con emissioni omologate superiori ai 291 g/km di CO2 sono soggette ad una tassa di 2.500 euro;

Una buona notizia è che, rispetto agli anni 2019 e 2020, scompare la fascia di pagamento relativa alle automobili con emissioni comprese tra i 161 e i 190 g/km.

Comunque, se la tassa vi sembra cara, consolatevi pensando ai nostri amici francesi poichè nel loro parlamento è in discussione una legge che imporrebbe, già dal prossimo anno, il pagamento di ben 50.000 euro di ecotassa per l’acquisto di automobili con emissioni superiori ai 212 g/km di CO2, ritoccando enormemente all’insù l’attuale tassa che già ora è di 20.000 euro su questa categoria di veicoli.

Come pagare l’ecotassa.

Come da art. 1 comma 1042 della legge n. 145/2018 (poi modificato dalla legge n. 178/2020) l’ecotassa deve essere pagata, in concomitanza con l’acquisto, dall’acquirente tramite modello F24 Elide, inserendo il codice tributo 3500 avente causale “Ecotassa – imposta per l’acquisto e l’immatricolazione in Italia di veicoli di categoria M1 con emissioni eccedenti la soglia di 190 Co2 g/km”.

L’ecotassa si paga solo per i veicoli di nuova immatricolazione (quindi le auto usate e le KM zero sono escluse) o per quelli importati dall’estero.

Quali automobili sono soggette al pagamento dell’ecotassa?

Eccovi di seguito un elenco delle automobili più comuni cui gli acquirenti saranno soggetti al pagamento dell’ecotassa:

Alfa Romeo Giulia, Stelvio
Aston Martin DB11 Coupé, DB11 Volante, DBS Superleggera, DBX, Vantage
Audi A8, Q7, Q8, R8 Coupé e Spyder, RS3 Sedan, RS4 Avant, RS5 Coupé e Sportback, RS6 Avant, RS7 Sportback, RS Q3 Coupé e Sportback, RS Q8, S8, SQ7, SQ8
Bentley Bentayga, Mulsanne
BMW M2 Coupé, M3 Berlina, M4 Coupé, M5 Berlina, M8 Cabrio, Coupé e Gran Coupé, Serie 5, Serie 7, Serie 8 Cabrio, Coupé e Gran Coupé, X3 M, X4 M, X5 M, X6, X6 M, X7
Cadillac XT4
Ferrari 812 GTS e Superfast, GTC4 Lusso, Portofino
Ford Mustang Coupé e Convertible
Honda NSX
Jaguar E-Pace, F-Pace, F-Type Coupé e Convertible, XJ
Jeep Grand Cherokee, Wrangler, Wrangler Unlimited
KIA Stinger
Lada 4x4M
Lamborghini Aventador, Huracán
Land Rover Defender 90, Defender 110, Discovery, Range Rover, Range Rover Sport e Range Rover Velar
Lexus LC Hybrid, RC Hybrid
Lotus Evora, Exige
Mahindra XUV500
Maserati Ghibli, Levante, Quattroporte
McLaren 540C, 570GT, 570S e 570S Spider, 720S
Mercedes AMG GT e AMG GT Roadster, AMG GT4 Coupé, Classe C Berlina, Cabrio, Coupé e Station Wagon, Classe E Berlina, Cabrio, Coupé e Station Wagon, Classe G SUV, CLS Coupé, GLA, GLC e GLC Coupé, GLE Coupé e SUV, GLS SUV
Morgan Plus 8, Roadster
Nissan GT-R
Porsche 718 Boxster e Cayman, 911 Coupé, Cabrio, Speedster e Targa, Cayenne e Cayenne Coupé, Macan, Panamera e Panamera Sport Turismo
Rolls Royce Cullinan, Dawn, Phantom, Wraith
Ssangyong Rexton e Rexton Sports
Subaru BRZ
Tata Aria
Volkswagen Touareg

 

5/5 (1)

Che ne pensi?