Con il termine sniffing si fa riferimento ad una truffa che consiste, in sostanza, nell’intercettazione delle coordinate di pagamento utilizzate dal titolare della carta di credito durante una transazione online, per poi servirsene a proprio vantaggio.

A livello pratico, quindi, questo potrebbe succedere durante un acquisto online su un sito che non fa uso di HTTPS (si riconosce dal lucchetto verde abilitato vicino al nome del sito, per esserne sicuri), rischio accentuato dal fare l’acquisto su una connessione Wi-Fi non adeguatamente protetta – o su cui la password siano nota a più persone (ad esempio in ufficio).

Nessuna valutazione, per ora.

Cosa ne pensi?