Mentre il phising è un tipo di truffa specificamente volta a colpire gli utenti di Internet, lo skimming prende di mira quanti utilizzano carte di credito e di debito per effettuare acquisti offline, presso puntio vendita fisici.

I truffatori che ricorrono a questa tecnica utilizzano un apparecchio chiamato skimmer per sottrarre i dati contenuti nella banda magnetica della carta di credito o di debito di un soggetto. Il funzionamento dello skimmer è piuttosto semplice: è sufficiente strisciare la carta di credito o di debito attraverso questo apparecchio per salvare in menoria le informazioni contenute all’interno della banda magnetica della carta di pagamento. Il PIN, non presente all’interno della carta, viene invece sottratto ricorrendo all’uso di apposite microcamere nascoste. I truffatori si servono così di questi dati per generare vere e proprie carte di credito clonate.

Un consiglio per proteggersi da questo tipo di truffa è quello di non perdere mai di vista la propria carta di credito o di debito; per poter utilizzare uno skimmer, infatti, i truffatori devono allontanarsi dalla vista del titolare della carta, essendo lo skimmer un apparecchio generalmente diverso da quelli tradizionalmente usati per i pagamenti effettuati tramite i punti di vendita fisici.

5/5 (1)

Cosa ne pensi?