Il 2 Dicembre 1 milione e 800 mila contribuenti che hanno aderito alla pace fiscale, sono chiamati a pagare le prime rate della “rottamazione – ter” e del “saldo a stralcio”. Nello specifico 385 mila contribuenti verseranno la prima rata del “saldo a stralcio”, mentre altri 267 mila pagheranno la “rottamazione – ter” in ritardo, ovvero sono coloro che hanno aderito al provvedimento entro il 31 Luglio 2019, termine che era stato riaperto dopo la prima scadenza del 30 Aprile 2019. Pagheranno inoltre anche 1 milione e 700 mila contribuenti che hanno aderito alla prima scadenza della rottamazione insieme a coloro che ancora non hanno pagato la prima rata di questo provvedimento, scadenza che era fissata per il 31 Luglio 2019.

Anche se in ritardo, grazie al Decreto Legge n. 124/2019 quest’ultimi potranno continuare a beneficiare dell’ agevolazione pagando prima e seconda rata il 2 Dicembre. Ciò nonostante, il mancato pagamento delle rate nei termini previsti (con un ritardo possibile di massimo 5 giorni) comporta la revoca del beneficio con l’impossibilità di nuova rateizzazione e con la ripresa delle azioni coattive di recupero da parte dell’Agenzia delle Entrate. I contribuenti hanno già ricevuto la “Comunicazione delle somme dovute” da parte dell’Ente riscossione tramite PEC o raccomandata, dove è stato indicato l’accoglimento o meno dell’istanza, l’importo rateizzato e quello non ammesso e le relative date di scadenza. E’ possibile inoltre avere copia della comunicazione tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate e non solo: attraverso il nuovo servizio web “ContiTu” si potrà scegliere, qualora si è impossibilitati a pagare tutte le cartelle ammesse alle agevolazioni, quali avvisi pagare in modo tale da ricalcolare l’importo dovuto.

QUALI SONO LE ALTRE SCADENZE?

Il 2 Dicembre è l’inizio del pagamento delle cartelle per tutti i contribuenti che hanno aderito alla “rottamazione – ter” ed al “saldo a stralcio”. Ad esse seguiranno le altre scadenze già definite dall’Agenzia delle Entrate. Per quanto riguarda la “rottamazione-ter” le scadenze saranno il 28 Febbraio, il 31 Maggio, il 31 Luglio ed il 30 Novembre (scadenza slittata al 2 Dicembre per il 2019 in quanto cade di sabato) e potranno essere suddivise per un massimo di 5 anni. Per quanto riguarda il “saldo a stralcio” oltre alla prima scadenza deL30 Novembre slittata al 2 Dicembre, la 2° rata scadrà il 31 Marzo 2020, la terza il 31 Luglio 2020, la 4° rata il 31 Marzo 2021 e l’ultima il 31 Luglio 2021.

Nessuna valutazione, per ora.

Cosa ne pensi?