Stando al cambio valuta attuale BTC-EUR, un 1 BTC vale attualmente 6.711 €, un dato che nel frattempo sarà certamente cambiato ed è, per quanto ne sappiamo ad oggi, al ribasso rispetto ai momenti di gloria che la famosa criptovaluta ha conosciuto in passato. Molte testate online hanno discusso questo aspetto legato al periodo “nero” del bitcoin, anche se il calo rispetto al controvalore in euro è caratteristiche anche di altre criptovalute come Ethereum.

Se è vero, infatti, che il calo di bitcoin sta preoccupando i vari trader ed investitori, potrebbe configurarsi (almeno in teoria, e con un po’ di fortuna) come un buon momento per comprare criptovalute in genere. Il condizionale è d’obbligo, ovviamente, e cercheremo ora di capire meglio perché lo sia. Di fatto, gli investitori non avevano finito di ragionare sulle cause del calo di valore del BTC, che già lo stesso da 7000€ era sceso ulteriormente a 6700€.

Bitcoin è una criptovaluta il cui valore storico è cambiato molto negli ultimi tempi, partendo da poche decine di euro iniziali (quando è stato inventato) e toccando, l’estate scorsa, quota 10,000 €. Un limite che finora non è mai stato superato, e che ha visto un andamento difficile da prevedere, molto volatile e – al netto di analisi e studi più o meno attendibili – altrettanto difficile o impossibile da immaginare, come valore, per il futuro.

In genere sono da sempre portato, durante le discussioni interminabili sull’argomento, a sbufalare le “tecniche” per guadagnare con bitcoin, usando presunte strategie di trading di vario genere: questo perché nessuno può prevedere seriamente un mercato così imprevedibile e deregolamentato, in cui non esiste (peraltro, a differenza dei titoli in borsa) un mercato o un evento a cui fare riferimento.

Nel caso del calo del valore del bitcoin, alcuni esperti associano la diminuzione a due eventi orientativi: le dichiarazioni recenti di Mark Zuckerberg su Libra, il quale veniva invitato dalla Commissione servizi finanziari della Camera USA a risolvere, prima di pensare a Libra, le “numerose carenze e fallimenti esistenti” in Facebook. Peraltro il modello per cui la criptovaluta di Facebook dovrebbe sostituire un conto corrente (per chi non ne ha uno) non sembra essere stata accettata di buon grado dalla commissione, ed ha dovuto quindi rimarcare l’idea di introdurre la verifica degli account Facebook, nel prossimo futuro, anche mediante documenti personali. Un’idea che ai fan della criptovaluta in genere non piace, mediamente, ma che non è detto che sia davvero legata al calo di valore di BTC di cui si parla.

Altro aspetto, forse più interessante, che ha preoccupato alcuni analisti, è la notizia della supremazia quantica di Google, notizia che ha fatto temere la possibilità che una potenza di calcolo così grande possa decriptare anche chiavi a 2048 bit, che sono quelle considerate più sicure nella crittografia. Visto che bitcoin basa il proprio valore sulla crittografia, anche se in termini leggermente diversi, qualcuno si è preoccupato che questo possa far perdere valore a BTC, e probabilmente ha finito per condizionare il mercato almeno in parte.

Peter Todd, peraltro, ha fatto notare intelligentemente su Twitter che è inutile preoccuparsi della tecnologia quantica per la “salute” del BTC, dato che non sappiamo nemmeno se sia implementabile e messa in atto nell’hardware.

Comprare bitcoin in questo periodo potrebbe essere un buon momento, e questo perché costano meno, semplicemente: il loro controvalore potrebbe aumentare in futuro, per cui la speranza è comprarne oggi per poi avere un valore più elevato domani. Le tempistiche, ovviamente, cioè il momento in cui decideremo di comprare o di vendere, rifletteranno i cambiamenti del mercato delle criptovalute.

Per comprare bitcoin, nella pratica, potete sfruttare la piattaforma Coinbase, che nonostante le commissioni un po’ altine è sicuramente uno dei metodi più sicuri per farlo.

4.67/5 (3)

Cosa ne pensi?