Cosa sono i pagamenti ricorrenti

I pagamenti ricorrenti, noti a volte con il nome inglese “recurring payments“, non sono altro che pagamenti che vengono pre-autorizzati dal cliente, in modo tale che si paghi in automatico una quota di pagamento fissa o variabile: questo meccanismo viene usato ad esempio per pagare servizi a canone fisso (ad esempio le 10 euro / mese per poter vedere Netflix, oppure il canone mensile di un servizio di web hosting). “Ricorrente” in pratica significa pressappoco “periodico”, cioè un pagamento che non avviene una volta, ma che si ripete periodicamente nel tempo oppure a intervalli più o meno regolari (ad esempio su base mensile); si tratta di uno dei servizi più comodi per pagare online.

Ovviamente bisogna fare molta attenzione quando si abilitano: il rischio è quello di trovarsi pagamenti che non si ricorda (o peggio ancora non si voleva) abilitare.


Come funzionano tecnicamente i pagamenti ricorrenti

Tecnicamente un pagamento ricorrente sono transazioni online che si ripetono su base periodica, ad esempio giornaliera, mensile o settimanale, e servono ad abilitare i servizi di sottoscrizione. Normalmente i servizi di sottoscrizione di pagamenti automatici avvengono con un opt-in esplicito, cioè l’utente deve selezionare di sua volontà una spunta per pre-autorizzare il pagamento. Il fatto di aver pre-autorizzato i pagamenti poi fa in modo che – nei mesi successivi – il pagamento avvenga in automatico, e questo di solito continua fino a che l’utente non disdice il pagamento ricorrente in modo esplicito.

Pagamenti ricorrenti sui siti adult

Molti siti web, ad esempio quelli di natura esplicita o pornografica, fanno pagare i propri servizi (ad esempio l’accesso ai video in HD o l’abilitazione di servizi online analoghi) mediante pagamenti ricorrenti: in questi casi bisogna fare molta attenzione a quello che si sottoscrive, ed al tipo di pagamento che si accetta di pagare la prima volta. In molti casi, infatti, la ricorrenza del pagamento non ricorre immediatamente, in modo tale che uno si incoraggi ad accedere al servizio: salvo che poi, dopo qualche giorno (a volte dopo un mese) l’addebito avviene, ed uno magari aveva pure dimenticato di averlo abilitato, spinto dalla curiosità di vedere immediatamente i contenuti paid.

Come disdire o annullare un pagamento ricorrente

In genere ci sono due modi per disdire l’abbonamento ad un pagamento ricorre.

  • Mediante banca. Andate dalla banca che ha emesso la carta con cui avete pagato, ad esempio di persona in filiale oppure telefonando al call center, e provate a fare presente il vostro problema. In genere, anche se non sempre, la banca dovrebbe essere
  • Mediante Paypal. Se avete pagato con Paypal e volete annullare il pagamento ricorrente, è abbastanza facile e si fa direttamente dall’interfaccia web del sito: fate login con le vostre credenziali, poi fai clic su Cronologia, cerca il pagamento che desideri annullare, cliccaci sopra, e verifica se accanto alla transazione ci sia il bottone o il link Annulla. Cliccaci, conferma facendo un altro click su Annulla pagamento e poi segui le istruzioni.
  • Mediante il sito del gateway di pagamento. Questa terza soluzione è solitamente drastica ed efficace, ed è stranamento poco nota e poco utilizzata: l’ho scoperta da qualche anno e mi sembra interessante parlarne qui. In pratica dovrete identificare, a partire da quello che viene riportato nella transazione, il codice numerico relativo alla stessa. Una volta identificato il gateway di pagamento che ha effettuato il pagamento, rivolgetevi direttamente a lui: sono generalmente in grado di annullare il pagamento ricorrente una volta che abbiano identificato voi e/o la vostra carta e/o il numero della transazione, e possono anche annullare il pagamento direttamente via chat. Mi sono trovato un paio di volte a dover gestire una situazione del genere per conto terzi, e vi garantisco che è un metodo in grado di funzionare benone, molto discreto (che non è poco) ed efficace: i soldi sono ritornati sulla carta almeno in parte, unica cosa che bisogna conoscere un minimo l’inglese per poter comunicare in modo funzionale. Un noto provider o gateway di servizi per adulti è ad esempio Zombaio, ed il ticket per contestare un pagamento si può aprire da qui (hanno messo pure il supporto in italiano, a quanto pare).

Originally posted 2018-05-10 10:47:27.

Leggi anche:

4.33/5 (9)

Ti ha soddisfatto?


16/10/2018

Leggi articolo precedente:
Come versare dei contanti su una carta prepagata Mediolanum

Da quando sono possessore di una prepagata collegata al mio conto non mi era mai successo di dover versare dei...

Chiudi