Guida ai più diffusi metodi di pagamenti online

Originally posted 2017-01-31 09:01:02.

In questo tutorial andremo ad analizzare i più importanti metodi di pagamento online, diffusi nei più importanti siti di ecommerce: il tutto al fine di capire meglio come funzionano, quali siano i vantaggi e, naturalmente, i rischi annessi al loro uso.

Regole generali per pagare online

In linea di massima quando si paga online ci si sta rivolgendo ad un sito web (Amazon, Ebay, …), oppure ad un’app (Apple Store, GearBest, …) su cui siano presenti beni, contenuti multimediali o servizi di vario genere: a cosa bisogna fare attenzione prima di pagare?

  1. Come prima cosa, assicurarsi di stare utilizzando l’app ufficiale di quel brand, e non una versione “alternativa” che potrebbe essere ingannevole;
  2. Se acquistiamo da web, cerchiamo sempre di controllare che sia presente ed attivo il lucchetto verde (che denota la presenza di HTTPS attivo e funzionante) a fianco dell’indirizzo del sito; il certificato deve essere attivo, deve funzionare correttamente e preferibilmente dovrebbe mostrare il nome dell’azienda che l’ha emesso (oppure il nome del merchant) in verde, bene in chiaro;
  3. Prima di pagare, verifichiamo che il carrello contenga ciò che davvero desideriamo, e facciamo attenzione in base ai metodi usati ad una serie di piccole cose.

Pagare online con Google Checkout

Google Checkout, di suo, funziona in modo piuttosto simile a PayPal e, anche qui, serve a fare da tramite per gli acquisti sugli store affiliati di Google senza dover esporre i dati della vostra carta. Un esempio di uso di GC è legato all’acquisto di un dominio internet presso Google, ad esempio.

Tutti i possessori di un account Gmail sono già abilitati, mediante una piccola procedura effettuabile online, al pagamento con Google Checkout. Come accortezza ulteriore, cerchiamo di assicurarci di essere nel sito giusto, cioè che sia un sito sottodominio di Google e ci sia un certificato SSL valido e funzionante (lucchetto verde).

Pagare online direttamente con carta di credito / prepagata / debito

In genere i pagamenti diretti con carta di credito o di debito o, ancora, prepagata, sono abilitabili online mediante opportuni gateway di pagamento, ovvero servizi web adibiti a gestire, mediante opportuna crittografia e certificazione, il funzionamento dei pagamenti per conto di siti di e-commerce. In pratica i pagamenti online con carta, di norma, vengono gestiti da terzi, tipicamente autorevoli e affidabili.

Gateway per pagare online a confronto

In questo settore di pagamento molto generale rientrano i pagamenti mediante carte di credito o debito VISA, VISA Electron, Mastercard, JCB American Express: in generale su questo tipo di carte, a volte prepagate, sono presenti normalmente tre informazioni distinte che facilitano i pagamenti online.

Esse sono:

  • il numero (a 16 cifre);
  • la data di scadenza;
  • il codice di controllo (CVC)

Tenete sempre presente una cosa: non è sempre consigliabile pagare con queste tre informazioni e sarebbe preferibile diffonderle il meno possibile, evitando di farle circolare ad esempio in immagini fronte-retro (del resto, perchè mai uno dovrebbe fotografare il fronte-retro della propria carta di credito? Eppure c’è chi lo ha fatto, purtroppo).

Il pagamento diretto con carta di credito, in cui le cifre (dei tre dati elencati) vengono inserite manualmente, di solito non è considerato uno standard di elevata sicurezza per una serie di motivi:

  1. le cifre digitate possono essere intercettate mediante attacco informatico man in the middle, specie se il certificato SSL adottato dal sito non è presente, non è aggiornato oppure è fallato;
  2. le cifre digitate possono essere viste da un estraneo a video, specie se paghiamo da PC pubblici o in presenza di altre persone.

Nonostante questo, e grazie all’adozione dello standard 3D-secure e dell’autenticazione a due fattori, di fatto il pagamento con carta di credito viene adottato da moltissimi gateway di pagamento come Zombaio, AllPay, CityBank, Verotel, essi garantiscono un supporto sicuro per le nostre transazioni. Infatti sono in grado di inviare una mail all’utente per avvisare del responso della transazione (che potrebbe essere accettata e processata regolarmente, di solito entro qualche secondo, oppure rifiutata per vari motivi dal circuito di pagamento, ad esempio perchè non ci sono i fondi necessari o per problemi di connettività). Questi servizi dispongono inoltre di una serie di controlli antifrode, con cui sono in grado di recuperare transazioni sospette e, se sussistono le condizioni, rimborsare il cliente a cui ad esempio siano stati presi dei soldi senza consenso (clonazione di carta di credito).

I rischi derivanti dal pagamento online diretto con numero di carta di credito sono attenuati da qualche accortezza che è bene rispettare:

  1. usare sempre una carta prepagata da caricare all’occorrenza;
  2. abilitare il 3D-secure sulla carta;
  3. evitare di effettuare l’operazione in presenza di occhi indiscreti.

Come accortezza ulteriore, assicuriamoci di essere nel sito giusto, e ricordiamoci sempre dei rischi di capitare su una pagina che stia facendo phishing, cioè stia solo cercando di sottrarci i dati della carta.

Pagare online con PayPal

PayPal è un gateway di pagamento che permette di effettuare transazioni in maniera veloce e sicura, uno dei metodi di pagamenti più sicuri e consolidati esistenti su internet. PayPal ha una funzione precisa per il pagamento online: offre infatti l’enorme vantaggio di non dovere esporre i nostri dati finanziari (numero a 16 cifre, CVC e data di scadenza) a chi dobbiamo pagare la somma, e ci permette di effettuare un pagamento, un rimborso o fare una raccolta fondi o una colletta. Con PayPal si possono inviare soldi a commercianti, colleghi o amici semplicemente conoscendone l’indirizzo email destinazione, senza esporre nessun altro dato.

Paypal, in altri termini, fa da tramite e garante, e permette di regolare transazioni (tracciate regolarmente nel nostro account) in modo sicuro, veloce e piuttosto semplice. Il tramite utilizzato è, in sostanza, un indirizzo email registrato a PayPal ed abilitato a ricevere denaro. I soldi accreditati sull’account possono essere trasferiti successivamente su una carta prepagata oppure, a scelta, su un conto corrente bancario. Di solito l’operazione richiede qualche giorno perchè avvenga. Esiste anche la carta prepagata PayPal ed i servizi offerti sono in espansione anno dopo anno.

I siti di ecommerce più grossi, ma anche quelli più piccoli, col tempo, si stanno adeguando: essi infatti tendono a far pagare mediante PayPal che, da qualche tempo, consente di pagare anche senza disporre di un account Paypal, su protocollo sicuro HTTPS. Il principale vantaggio di PayPal rispetto al pagamento tradizionale con carta di credito consiste nell’esposizione del solo indirizzo email, nome e cognome del destinatario piuttosto che essere costretti tirare fuori numero carta, data di scadenza e codice di controllo. Questo sistema permette di pagare su qualsiasi sito, ad esclusione di quelli che esplicitamente non ne permettono l’uso.

Chi paga con Paypal invia immediatamente la somma al destinatario, che a sua volta si ritrova con una cifra spendibile immediatamente sul proprio conto. In genere per motivi di sicurezza non sempre è possibile prelevare subito i soldi ricevuti, ma bisogna aspettare un po’.

I rischi derivanti dal pagamento online con Paypal sono minimi, ma è bene fare attenzione alle seguenti cose:

  1. abilitare l’autenticazione a due fattori;
  2. impostare una password difficile da indovinare e facile da ricordare (vedi anche: Come scegliere una buona password);
  3. fare attenzione al phishing: Paypal non chiede mai di inserire email e password via email.

Come accortezza ulteriore, assicuriamoci di essere nel sito giusto, e ricordiamoci sempre dei rischi di capitare su una pagina che stia facendo phishing, cioè stia solo cercando di sottrarci i dati della carta.

Bonifico

Per disporre un bonifico bisogna disporre di un proprio IBAN, ed eseguire l’operazione o dallo sportello bancario mediante una distinta di pagamento, oppure online dal sito web ufficiale della banca. In genere gli IBAN erano associati a veri e propri conti correnti ma, ad oggi, sono associabili pure a carte prepagate in genere (PostePay Evolution, MPS Spider, ecc.).

I tempi di consegna di un bonifico sono di un giorno lavorativo o due (quindi se pagate un bonifico di sabato mattina non arriverà prima di lunedì) se fatto tra due banche diverse, diversamente se effettuato sulla stessa banca dovrebbe essere più veloce.

Il bonifico è considerato un pagamento sicuro e tracciabile, poichè non richiede di esporre i dati della propria carta come avviene per i pagamenti con carta in cui si debbano digitare le cifre della stessa. Facciamo comunque attenzione all’intestatario del bonifico, accertandoci che corrisponda con il merchant (cioè con chi ci sta vendendo il prodotto o il servizio desiderato).

Bonifico istantaneo

Un’evoluzione molto interessante del bonifico tradizionale è senza dubbio quello istantaneo.

Le sue caratteristiche più importanti sono:

  1. possibilità di inviare e ricevere denaro 24 ore al giorno, 7 giorni su 7;
  2. accredito immediato (chi riceve un bonifico istantaneo, dispone subito della liquidità);
  3. importo massimo inviabile per singolo bonifico, di solito, 15000 euro;
  4. numerose banche europee che hanno aderito all’iniziativa

Le due principali tecnologie a supporto del bonifico istantaneo, innovazione introdotta nel 2017, sono Rapid Transfer e Sofort Banking. Anche in questo caso, come accortezza facciamo molta attenzione all’intestatario del bonifico, accertandoci che corrisponda con il merchant (cioè con chi ci sta vendendo il prodotto o il servizio desiderato).

Pagare online in BitCoin

I pagamenti in BTC ed in criptovalute in genere (ETH, ecc.) sono una delle novità più importanti per quanto riguarda i pagamenti online; essi permettono di effettuare un pagamento sfruttando un portafoglio (wallet) digitale, personalizzato ed installabile / configurabile sul PC o sullo smartphone da ogni singolo utente. Bitcoin è una rete di pagamento decentralizzata che non richiede una banca o un ente centralizzato a supporto, poichè il suo funzionamento è basato sulla blockchain (una “catena” di transazioni non alterabile e crittografata e, per questo motivo, in grado di garantire la correttezza e l’autenticità delle operazioni eseguite).

I tempi di pagamento con bitcoin sono solitamente dell’ordine di qualche minuto, anche se per le transazioni piccole possono essere quasi istantanei, e paragonabili a quelli delle ordinarie carte di credito.

Un esempio di pagamento online in bitcoin è il seguente (in questa situazione, per la cronaca, il gateway che il sito ha utilizzato per il pagamento è CoinGate): poniamo di dover effettuare un pagamento di 50 € e di voler pagare in bitcoin: al momento in cui scriviamo, in criptovaluta andremo a pagare 0.006929 BTC, ed è infatti la cifra che comparirà nella pagina di pagamento.

A monte di tutto questo dovremo aver caricato almeno 0.006929 BTC (ma è opportuno mettere qualcosa in più, per via delle fee cioè delle commissioni pagate ai server bitcoin per la transazione) su un portafoglio installato ad esempio sul nostro smartphone come Electrum, seguendo le indicazioni fornite dalle stesso per tenerlo al sicuro: annotare la chiave privata, annotare la frase di recupero del portafoglio, abilitare l’autenticazione a due fattori, impostare un PIN privato per abilitare la transazioni.

Ammesso che il wallet sia pieno e al sicuro, vediamo finalmente tutti i dettagli di questo pagamento:

  • la freccia arancione indica il nome del sito web beneficiario;
  • poco in basso c’è un conto alla rovescia, che indica il tempo rimasto per effettuare il pagamento (se scade, dovremo rifare la procedura da zero);
  • la freccia verde indica il corrispettivo da pagare, ed il suo equivalente in BTC al cambio attuale;
  • la freccia rossa indica l’indirizzo bitcoin a cui inviare la somma, cioè il wallet del commerciante;
  • la freccia gialla che indica il QR-code corrispondente all’indirizzo BTC del merchant;
  • la freccia nera consiglia caldamente di non pagare direttamente dall’exchange (ad es. Coinbase), ma di passare la criptovaluta su un wallet e pagare con quello (a livello pratico: aprendo Electrum dal cellulare, di fatto, basterà fare una fotografia al QR-code indicato dalla freccia gialla, per pagare)
  • freccia blu: il pagamento sarà confermato con una singola conferma del network bitcoin (in questo caso perchè si tratta di soli 50 €, ovviamente in genere possono essere richieste più conferme)

In pratica da Electrum facciamo una foto al QR-code, attendiamo qualche istante e la pagina del pagamento cambierà in automatico, confermandoci la transazione avvenuta. Dopo qualche secondo, il pagamento sarà arrivato a destinazione, e sul wallet vedremo prima la transazione “in corso”, e poi finalmente confermata (bisogna aspettare un po’ senza agitarsi, e solitamente entro pochi minuti, per cifre piccole, tutto avviene regolarmente).

I rischi derivanti dal pagamento online con bitcoin sono legati a due aspetti fondamentali:

-----
  1. se compriamo bitcoin da mercati non ufficiali (es. Localbitcoins), potremmo trovarci con criptovaluta di provenienza dubbia o derivante da attività illecita; per cui preferiamo sempre comprare i BTC da exchange sicuri e accreditati;
  2. facciamo attenzione a digitare correttamente l’indirizzo destinazione del merchant (è più sicuro fare una foto al QR-Code, per quello preferisco il wallet sullo smartphone, in effetti);
  3. non paghiamo mai direttamente dal wallet cloud degli exchange, come suggerito nell’immagine precedente dalla freccia nera; la transazione non sarebbe confermata subito, ed impiegherebbe molto più tempo ad arrivare a destinazione, risultando alla fine come pagamento non effettuato;
  4. ricordiamoci che le transazioni sono irreversibili, cioè i pagamenti fatti in criptovaluta una volta effettuati non si possono annullare (a meno che il destinatario non ce li restituisca di sua volontà).

Facciamo sempre attenzione, quindi, a non finire su siti web “alternativi” che potrebbero sottrarci la criptovaluta.

Ti potrebbero interessare:

La magica guida al bitcoin per niubbi Bitcoin: di che si tratta? Bitcoin è un sistema di pagamento online per permettere di ricevere ed inviare denaro mediante internet, in modo sicuro e ...
Hello Free! – Carta Prepagata – Guida ... Tipo di carta: prepagata Carta prepagata o prepaid (dette anche carte prepagate ricaricabili, carte di credito ricaricabili, carte ricaricabili, cart...
Come pagare online in modo sicuro Per quanto riguarda la sicurezza dei pagamenti online esiste uno standard noto come PCI DSS (Payment Card Industry Data Security Standard), ed è stata...
10 previsioni sul bitcoin entro fine 2018 Le criptovalute sono diventate un argomento di discussione molto (e forse troppo) diffuso su social, siti di news e forum, anche se non prettamente de...
Come comprare bitcoin in Linden Dollars con WirWox Vi affascina il mondo dei bitcoin? Sicuramente sarete alla ricerca di un metodo pratico e veloce per metterne da parte un po' nel vostro portafoglio; ...
Confronto tra wallet per bitcoin Gestire, vendere, comprare ed utilizzare criptovaluta comporta l'uso di un wallet, cioè di un vero e proprio portafoglio virtuale che contenga la crip...
4.52/5 (120)

Ti ha soddisfatto?

-----
Leggi articolo precedente:
Carta prepagata HYPE – Guida non ufficiale

Tipo di carta: prepagata Carta prepagata smart o prepaid (dette anche carte prepagate ricaricabili, carte di credito ricaricabili, carte ricaricabili,...

Chiudi