Chi non vorrebbe procurarsi un po’ di criptovaluta gratuitamente? Sebbene moltissimi dei servizi online che propongono questo genere di opportunità non siano affidabili, ho testato per qualche settimana un po’ di app, di applicazioni e di siti web per guadagnare bitcoin gratuitamente, in cui l’unica cosa che andrete a pagare è il vostro tempo.

In generale il suggerimento che mi sento di darvi è quello di puntare criptovalute che non esistano da troppo tempo, visto che (matematicamente parlando) è richiesta una maggiore potenza di calcolo all’aumentare della moneta disponibile, e la maggioranza dei PC e degli smartphone domestici non è adeguata allo scopo. Per cui non pensiate di costruirvi un secondo stipendio in questi termini, ovviamente. Al tempo stesso, poi, cercate sempre di puntare una criptovaluta che sia almeno un minimo nota, perchè altrimenti rischiate di perdere solo tempo. I servizi affidabili nel settore, ad oggi, mi sembrano essere davvero pochini.


Cosa sono i rubinetti / faucet di bitcoin?

Chiariamo fin da subito che i faucet sono una cosa (cioè sono dei “rubinetti” gratuiti di criptovaluta, disponibili come app per smartphone o eseguibili per Windows, Mac o Linux) ed i miner sono tecnicamente un’altra, che richiede hardware dedicato da diverse migliaia di euro. I primi si possono installare un po’ ovunque, mentre i secondi sono un’investimento sensato per chi paghi poco di potenza elettrica (ad oggi, in Italia, con i costi attuali la cosa non sembra affatto praticabile).

Diffidate infine dai sistemi che propongono eccessivi automatismi, perchè – in genere – un minimo di interazione periodica è sempre richiesta. Tenete conto, inoltre, che la quantità guadagnata è davvero minima e che i payout sono tipicamente sempre molto alti (tradotto: serve molto tempo per guadagnare l’equivalente di pochi centesimi).

App per ricevere bitcoin gratis

Su Android ho testato le seguenti due app, ad oggi.

BitCoin Miner – Free BTC

Apparentemente molto interessante, ed installato su tablet e telefono: la prima volta che lo lanciate, infatti, vi regala immediatamente 50,000 satoshi (0.00050000 ฿) e poi ad intervalli di mezz’ora vi permette di prendervi satoshi ulteriori da un miner in cloud. Per poterlo fare bisogna lasciare l’app attiva, e ricordarsi di riavviarla dopo ogni mezz’ora, ad intervalli di pause di 10 minuti tra una mezz’ora e l’altra. Il ritmo di generazione è più o meno di 6 KH/s, anche se poi non sembra dipendere direttamente dalla CPU del dispositivi (l’ho testato su un tablet vecchiotto e su un cellulare recente, e come prestazioni media siamo sempre lì). La cosa comoda di questo genere di soluzione è che non ci sono per nulla annunci pubblicitari invasivi durante l’uso medio.

Leggi anche  10 previsioni sul bitcoin entro fine 2018

Aggiornamento: dopo un paio di aggiornamenti ho dovuto rifare il login che non ricordavo più, rischiando di perdere tutto quello che avevo guadagnato fino a quel momento. Appuntatevi username e password che avete impostato dell’app, perchè vengono resettate senza preavviso ad ogni aggiornamento.

Altro appunto: non sono ancora riuscito a raggiungere il payout minimo (0,0016BTC), ed ovviamente anche stando tutti i giorni dietro ad un’app del genere difficilmente ci sarei riuscito; il corrispondente dei primi bitcoin da guadagnare è di poco più di 10 euro, a conti fatti, secondo il cambio BTC/EUR al momento in cui scrivo, quantomeno). App da ridimensionare nelle aspettative ma comunque divertente per procurarsi BTC solo ed esclusivamente a scopo di piccoli test.

Faucet di Bitcoin Satoshi BTC Gratis – Zelts

Altra app non male, in un paio di giorni di attività sono riuscito a procurarmi la bellezza di 0,00000436 BTC (circa 0,02 €), ovviamente come dicevo prima non parliamo di capitali di chissà quale dimensione, ma è interessante comunque notare che, una volta caricati sul mio account Coinbase, sembrebbe che li abbia pagati di meno (circa 4500€) di quanto fosse la valutazione di quel momento (circa 6000 €). Se ci fossero meno annunci pubblicitari (e ce ne sono abbastanza, almeno quando l’ho utilizzata io) sarebbe stato senza dubbio preferibile, e pure un’esperienza più gradevole.

Nella screenshot seguente riporto la prova della ricezione.

Applicazioni da installare su PC

MinerGate

Sembra essere una delle più accreditate, ma è in esecuzione sul mio Macbook da diversi giorni, senza aver ancora ricevuto nulla. Sembra interessante per la modalità Smart Mining, che dovrebbe garantire degli incassi di criptovaluta comunque, ma ad oggi va in automatico su XMR senza pero’ ricavare nulla. Facile che sia un problema di altra natura, ma ad oggi anche le recensioni dell’app non sembrano lasciare troppo margine di interesse.

Leggi anche  Confronto tra wallet per bitcoin

Siti che regalano bitcoin

 

Alcuni siti che regalano bitcoin da testare per curiosità possono essere i seguenti, per la cronaca.

(1 satoshi = 0.00000001 BTC)

 

Lato web non ho trovato faucet che siano in grado di regalare più di così; in genere si trovano siti web dalla reputazione dubbia, fin troppo pieni di pubblicità, in cui bisogna inserire l’indirizzo di un proprio wallet per ricevere criptovaluta. A parte che l’operazione non mi pare il massimo della trasparenza e della sicurezza (in molti casi questi siti neanche usano HTTPS), direi che in linea di massima il web non è adatto per il mining.


Unica eccezione concreta sembra quella di utilizzare prodotti come Coinhive, pero’ vi serve un blog o un sito su cui caricarlo (e molti antivirus tendono a rilevarlo come virus); sono sostanzialmente miner in cloud per pagine web, scritti in JS, e sono abbastanza controversi, ad oggi: i webmaster dei siti molto trafficati, infatti, tendono ad utilizzarlo senza opt-in, cosa che sembra essere nettamente contraria alle indicazioni del GDPR da poco in vigore (altre info sul GDPR qui).

Originally posted 2018-03-28 15:08:22.

Leggi anche:

4.48/5 (96)

Ti ha soddisfatto?


#

17/10/2018

Leggi articolo precedente:
Guida pratica ai pagamenti ricorrenti su internet

Cosa sono i pagamenti ricorrenti I pagamenti ricorrenti, noti a volte con il nome inglese "recurring payments", non sono altro...

Chiudi