L’evasione fiscale rientra nelle attività illecite atte, con vari metodi, a spostare fondi soggetti a tassazione o ad effettuare operazioni di vario genere per ridurre le tasse da pagare. Grazie ai pagamenti con conto corrente queste operazioni non sarebbero possibili, anche se la trasparenza delle banche non è sempre all’ordine del giorno e questo avviene soprattutto per le banche estere o in paesi in cui la tassazione è differente o meno trasparente. È chiaro che si parla di tecniche non lecite dal punto di vista della legge, e che non dovrebbero mai essere effettuate in nessun caso e da nessuna azienda.

Il Sole24Ore qualche tempo fa ha dedicato un interessante articolo su questo argomento, individuando almeno 6 modi per effettuare questa operazione. Il rapporto risale al 2013 ma è interessante da leggere ancora oggi, perchè probabilmente riporta informazioni ancora utili e in atto al momento in cui leggete.

Conti correnti privati

Usare un conto corrente privato per i movimenti della propria azienda è considerato uno dei primi fattori potenzialmente a rischio: da un conto corrente intestato ad una persona giuridica o un’azienda a quello di una persona fisica. In questo modo si riesce a “diluire” il carico fiscale scaricandolo da quello che spetterebbe all’azienda.

Carte prepagate

In altri casi si tende a fare uso delle carte prepagate, soprattutto quelle che non pongono limiti di utilizzo (sopra i 1000 euro alla volta scatta l’antiriciclaggio, in genere). L’apertura di queste carte è tipicamente online per cui non sempre è facile riuscire ad individuare e tracciare questi movimenti.

Scudo fiscale

Vengono spesso registrate, poi, varie operazioni con fondi “rientrati” dallo scudo fiscale (la nota regolarizzazione di tributaria, simile ad un condono) che vengono a volte reinvestiti ed inviati su altri conti correnti. Anche in questo caso non è semplice individuare questo genere di situazioni, ma spesso la contestazione dell’irregolarità avviene.

Contanti

Che il contante sia sinonimo di evasione è un’equazione accettata, anche se non universalmente, in vari settori dell’economia e della finanza: questo avviene soprattutto in relazione alle banconote di grosso taglio, per inciso, come quelle da 500 euro. Chiaramente non tutti sono d’accordo su questo: in particolare i liberi professionisti: tant’è che si era ventilata la proposta di innalzare la soglia massima dei pagamenti in contante da 1000 a 5000 euro (cosa che non è mai stata fatta). In questo, ovviamente, dipende dai singoli casi che sono spesso impossibili da accertare, visto che il contante (prima ancora delle criptovalute, in effetti) è la moneta non tracciabile per definizione.

Fatture false

Stabilire che una fattura sia falsa spesso è molto difficile o impossibile, ma anche qui si tratta di operazioni atte a “bilanciare” ed è un classico il pagamento per servizi mai acquistati. In casi più elaborati ci sono aziende “carosello” che si intromettono tra acquirente ed erogante servizio o prodotto per incassarne in un secondo momento l’IVA.

Paradisi fiscali

Il caso conclusivo dell’articolo è incentrato su un classico: società di comodo che operano ad esempio nelle Isole Cayman ed altri paesi in blacklist dal punto di vista del fisco, nelle quali è possibile sfruttare aliquote più basse o addirittura inesistenti, oppure la possibilità di proteggere le operazioni mediante segreti bancari dei conti correnti del posto, non soggetti alla regolamentazione più rigida del paese di origine.

Nessuna valutazione, per ora.

Cosa ne pensi?