Sui principali conti correnti bancari, ma anche su quelli postali e addirittura sulle carte prepagate, il saldo rappresenta la disponibilità di denaro sul conto in quel momento. In genere, infatti, il saldo contabile può essere più grande di quello disponibile, ma a scopo di prelievo (per intenderci) quello che conta è sempre il saldo disponibile. Quello contabile viene aggiornato più lentamente, di solito.

Si distingue, pertanto, il saldo contabile da quello disponibile: il saldo contabile include spese già effettuate ma non ancora conteggiate. Il saldo disponibile rappresenta invece, in tempo reale, l’effettiva disponibilità di denaro su quel conto o carta.

5/5 (1)

Cosa ne pensi?