Il codice fiscale in Italia è un codice numerico (e di lettere) unico, associato ad ogni persona o azienda, che serve ad identificarla. Nel caso di aziende, ad esempio, è composto solo da numeri (11 in tutto), nel caso di persone invece da lettere e numeri (16, questa volta). L’utilità, come dice il nome stesso, è determinata dal fatto che viene utilizzato dall’anagrafe tributaria per rilevare eventuali casi di evasione fiscale o altre irregolarità.

Ogni cittadino, alla nascita, ne possiede uno, ed ogni associazione o azienda fa lo stesso. In genere il codice fiscale viene richiesto al momento dell’iscrizione ad alcuni servizi (a scopo di fatturazione, per esempio), all’anagrafe dei tributi per registrare dati rilevanti dal punto di vista fiscale e nella stesura di documenti amministrativi e burocratici di vario genere.

Quando serve il codice fiscale

Il codice fiscale è richiesto:

  • per l’apertura di un conto corrente presso una banca;
  • per la riscossione di un pagamento;
  • per la compra-vendita di case;
  • per la compravendita di un’auto;
  • quando ci fanno una multa;
  • quando dobbiamo ricevere un rimborso;
  • quando dobbiamo riscuotere una fattura.

Il Ministero delle Finanze possiede un’anagrafe tributaria che contiene tutti i codici fiscali degli italiani.

Codice fiscale per cittadini

Ogni persona possiede un codice fiscale di lettere e numeri, che sono in tutto 16 caratteri. Le prime sei lettere sono le consonanti del nome e del cognome della persona, poi troviamo due cifre dell’anno di nascita, poi una lettera che corrisponde al mese di nascita, poi le due cifre del giorno di nascita. Troviamo poi, di seguito, il codice della città di nascita ed una lettera finale che serve semplicemente a rendere univoco il codice.

Se dovete calcolare il vostro codice fiscale, per fortuna, non dovrete farlo a mano: potete consultare quello che avete nel portafoglio (che da qualche anno è anche tessera sanitaria), ma in rete si trovano vari strumenti gratuiti per calcolare il codice fiscale.

Codice fiscale per aziende, associazioni ed enti

Per le Società che, al momento dell’apertura, si trovino iscritte al Registro delle imprese, il C.F. coincide con il numero di iscrizione al Registro stesso. Per le altre persone non fisiche come enti, associazioni e via dicendo, l’Agenzia delle Entrate attribuisce un codice fiscale in automatico, composto da 11 cifre in tutti di cui le prime 7 sono un numero sequenziale univoco dell’azienda e le altre sono assegnate dall’agenzia delle entrate.

Nessuna valutazione, per ora.

Cosa ne pensi?