Nel marasma di offerte di carte di credito è facile perdersi tra mille possibilità, tra le quali un persona poco esperta potrebbe avere serie difficoltà: cosa comporta avere una carta di credito senza reddito dimostrabile? A quali potenziali vantaggi e svantaggi potremmo andare incontro? In questo nuovo articolo cercheremo di rispondere a tutte queste domande.

Cos’è la carta di credito

Si tratta di uno strumento di pagamento collegato ad un conto, ovvero una linea di credito, utilizzabile per la finanza personale ed aziendale e collegato in genere ad un conto corrente. In genere con le carte di credito, a differenza di quelle prepagate e di debito per cui non è consentito superare il plafond mensile massimo, si può sforare il limite mensile restituendo la somma a rate.

Come scegliere la migliore carta di credito senza reddito

L’aspetto positivo da considerare è che ci sono davvero moltissime possibilità: le carte di credito senza reddito dimostrabile vengono emesse molto più facilmente alle persone che non ne hanno uno, ad esempio liberi professionisti e lavoratori autonomi che non ricevano uno stipendio mensile. Senza reddito è davvero difficile riuscire ad ottenere qualcosa in questo campo, visto che il reddito generalmente fa da garante per le banche ed è una condizione necessaria per ottenere la carta. Diversamente, la banca rifiuta l’emissione della carta di credito, a meno che il cliente non possa contare su entrate alternative di altro tipo: ad esempio dei soldi da parte sul proprio conto corrente, l’affitto di una casa registrata con regolare contratto, un assegno di mantenimento fisso, oppure – ancora – una qualsiasi altra rendita periodica che sia dimostrabile. Non per tutti, insomma, ma le cose attualmente stanno così.

Carta di credito senza reddito VIABUY

Una delle primissime possibilità di cui disponiamo è quella di ricorrere a VIABUY, una carta afferente al circuito Mastercard emessa all’estero, che presenta ad oggi (abbiamo verificato direttamente nel sito il 9 giugno 2019, per inciso) i seguenti costi:

  • costo di apertura: 69,90 €
  • canone annuale per il mantenimento: 19,90 €
  • totale da pagare per l’apertura della carta VIABUY: 89,80 €

VIABUY offre la possibilità di aprire carte di credito senza reddito, senza verifica di solvibilità e senza controllo di solidità finanziaria. Permette di pagare senza contanti alle condizioni indicate nel sito, e per aprirne una bisogna avere almeno 18 anni.

Le carte di credito di questo tipo si possono quindi ottenere direttamente dal web, in quanto forniscono una funzionalità detta revolving utile ad ottenere un finanziamento rapido.

Carte di credito N26: 3 opportunità

N26 offre una carta Mastercard anch’essa, è una banca il cui conto è gestibile direttamente dal proprio smartphone, a zero spese fisse e con una carta abbinata. La carta arriva entro pochissimi giorni dala richiesta e l’IBAN viene attivato poche ore dopo l’attivazione conclusiva della stessa.

In questo caso i costi variano: se apriamo una carta (servizio di base) N26 Standard non costa nulla, ed offre solo prelievo da ATM europei senza commissione e pagamenti anche in valuta estera senza sovrapprezzo. Se apriamo, invece, una N26 Black avremo il pacchetto assicurativo Allianz incluso, e la possibilità di prelevare senza commissioni in tutto il mondo, al prezzo di 9,90€ / mese (118,80 € all’anno). Infine scegliendo la carta N26 Metal, la più evoluta, avremo tutti i vantaggi precedenti con supporto clienti esclusivo e possibilità di ricevere offerte partner dedicate (16,90€ / mese, ovvero 202,80 € all’anno).

Richiedi una carta N26

Carta di credito senza reddito HYPE

HYPE è un’altra opportunità da non sottovalutare in questo ambito, in quanto presenta le stesse caratteristiche e vantaggi delle offerte precedenti. La carta arriva entro pochissimi giorni dala richiesta e l’IBAN viene attivato poche ore dopo l’attivazione conclusiva della stessa. Questa carta presenza condizioni differenti da quelle delle precedenti, e permette di essere aperte a chiunque abbia almeno 12 anni.

I piani principali sono questi due:

  • Hype START (zero costi, carta contactless, cashback, bonifici gratuiti in ricezione ed invio, prelievo a zero commissioni, quantità di denaro depositabile limitata a 2500€)
  • Hype PLUS (1 euro al mese, 12 € /anno, carta contactless, cashback, bonifici gratuiti fino a 50.000 euro / anno, prelievo senza commissioni, accredito dello stipendio)

Richiedi una carta Hype

Carta di credito Widiba

Il conto Widiba viene emesso, questa volta, da Banca Monte dei Paschi di Siena, ed è una scelta possibile per ottenere una carta di tipo simile a quelle viste in precedenza. Questa volta, pero’, ci stiamo rivolgendo ad un prodotto finanziario promosso da una banca italiana: un conto paperless e senza istruzioni, a zero spese solo per il primo anno e per i nuovi clienti, che rimane gratuito per sempre se impostate l’accredito dello stipendio. In questo caso, quindi, si tratta di una tipologia di servizio finanziario differente da quelli visti in precedenza: non è una carta senza reddito dimostrabile, bensì un conto un po’ più tradizionale con 34 stili differenti di carta, con piattaforma per fare trading inclusa, supporto ad Apple Pay e Google Pay, PEC e firma digitale incluse. Sul denaro depositato, inoltre, è disponibile un tasso lordo annuo sui vincoli a 6 mesi dell’1,60%.

Carta di credito gratuita? In genere no

Un piccolo avviso conclusivo che mi sento di riportare, infine, è il seguente. Fate attenzione anche a questo aspetto: in genere nessuna carta è davvero gratuita. Per carta di credito gratis, si intende quel tipo di carta di credito senza spese, ma in genere quelle davvero gratuite sono sostanzialmente delle carte prepagate.

5/5 (1)

Cosa ne pensi?