Il pagamento in contanti sembra non essere particolarmente incentivato, soprattutto di questi ultimi tempi di pandemia e di pagamenti sempre più digitali e contactless. Molte persone, del resto, rimangono restie a fare pagamenti con carta perchè sono diffidenti verso la tecnologia, preferiscono i contanti oppure magari hanno paura delle truffe.

Se stavi pensando di farti un conto online con qualche banca, aprire un IBAN o farti una carta di credito o prepagata, tra qualche tempo potresti avere un motivo in più per farlo. Vediamo infatti in che cosa dovrebbe consistere il bonus carte di credito previsto dal Decreto Agosto, per quello che sappiamo ad oggi.

Che cos’è il bonus carte di credito

Il bonus carte di credito del Decreto Agosto prevede, a determinate condizioni, un bonus fino a 2000 € per chi effettua pagamenti con carta di credito anzichè in contanti. Il bonus non è stato ancora ufficialmente confermato, e secondo varie fonti è possibile che riguardi solo  alcuni settori e che si limiti ad un sistema di cashback o rimborsi-sconti su futuri acquisti oppure sulle tasse da pagare (credito d’imposta).

Quando arrivano i soldi del bonus carte di credito

Al momento non si conoscono le tempistiche più precise, ma sembra che il pagamento avverrà in due tranche su base semestrale – stando alle dichiarazioni del ministro dell’Economia Roberto Gualtieri.

Quando parte il bonus carte di credito?

Da quello che sappiamo dovrebbe entrare in vigore dal 1 dicembre 2020.

Vantaggi del bonus carte di credito

La norma da’ la possibilità di ottenere un vero e proprio rimborso o cashback di 2000€ a chi pagherà con carte di debito, di credito, prepagata, o comunque con sistemi tracciabili tipo Satispay per acquistare beni o servizi. Si attende, ad oggi, un decreto Ministeriale in merito per conoscere ulteriori dettagli.

Se sei un professionista e guadagni fino a 400.000 € all’anno di ricavi, grazie al bonus puoi ricevere un credito d’imposta pari al 30%. Si riduce inoltre a 2000€ il limite per l’uso del contante, che rimarrà tale fino al 2022 data in cui la soglia sarà ridotta a soli 1000€.

L’iniziativa è a cura del Governo Italiano e risale al 7 agosto 2020, pensato al fine di incentivare i consumi e rilanciarli dopo la pandemia di Covid-19, ed il tutto è finalizzato a chi sfrutta pagamenti elettronici (ovvero tracciabili) con un meccanismo di “bonus” che non è altro se non un cashback. Il cashback non è certo una novità, in quanto si tratta di un programma ad incentivi offerto da molte carte di credito internazionali, in cui una percentuale dell’ammontare che viene speso con la carta viene restituito virtualmente all’utente per poterlo utilizzare per ulteriori spese. Tipico delle carte di credito degli USA e del Regno Unito, il cashback viene utilizzato per poter offrire un incentivo di spesa che viene detto in gergo cash back reward.

4.5/5 (2)

Che ne pensi?