Pagare online possiede molti vantaggi, visibili soprattutto nella possibilità di scansare le code: quante volte è capitato di dover pagare una bolletta, ad esempio, il giorno della scadenza e trovare le poste con una fila infinita? Se è vero che esistono molte alternative – molti bollettini premarcati si possono pagare anche nei tabacchini e nei bar, al giorno d’oggi – pagare su internet è certamente un’opportunità per scansare le code, evitare di dover uscire di casa e perdere mezza giornata. Vediamo, quindi, come sia possibile farlo online con tutti i principali servizi che la rete (e non solo il web) offrono a riguardo.

Attenzione!

Quando si usano servizi online per pagare bollettini, è opportuno rivolgersi ad aziende che siano autorizzate ad erogare servizi finanziari dalla Banca d’Italia. Qualche tempo fa, ad esempio, molte agenzie abilitate ad erogare servizi postali offrivano il pagamento di bollettini in modo indebito, ed i loro servizi sono stati sospesi. In questa pagina ho segnalato esclusivamente, pertanto, servizi per cui mi risulta che l’autorizzazione sia presente, ovviamente invitandovi a prestare massima attenzione all’uso di questi servizi in ogni circostanza.


Tipi di bollettini

Esistono in circolazione vari tipi di bollettini che è possibile, in generale, pagare online: i principali sono il bollettino premarcato (tipico del pagamento delle bollette di luce, internet, gas) e quello bianco (che può essere compilato a piacere in favore di un beneficiario abilitato). In genere i bollettini postali sono identificabili dal codice (in basso a destra, tra < e >) TD 896, TD 451, TD123, TD 674, mentre esistono molti altri tipi di bollettini per scopi più specifici: i MAV ad esempio sono emessi dalle banche per richiedere la riscossione di pagamenti specifici ricorrenti (ad esempio la previdenza Inarcassa), i RAV sono invece tipici delle multe per violazioni del codice della strada, il Freccia (che è un bollettino precompilato per pagamenti specifici da un creditore ad un debitore), ed il metodo pagoPA che è tipico delle tasse amministrative o universitarie verso le PA (Pubbliche Amministrazioni).

Tutta questa varietà di bollettini si possono generalmente pagare online, ed esistono varie possibilità per farlo con facilità.

Metodo 1: pagare il bollettino dal sito della propria banca

Questo è uno dei metodi più sicuri e veloci per pagare il dovuto; se avete aperto un conto corrente o una carta prepagata presso un istituto bancario italiano (Monte dei Paschi di Siena, CheBanca, Mediolanum Banca, ecc.), in genere il sito web dello stesso offre l’opportunità di pagare anche bollettini direttamente online. Per farlo basta quindi:

  1. entrare nel sito web della propria banca;
  2. procurarsi le credenziali di accesso per poter accedere al proprio conto (username, password o PIN ed eventuale chiave numerica ulteriore inviata via SMS o via chiavetta);
  3. accedere nel sito, una volta loggati, alla sezione in cui sia presente il pagamento di bollettini, MAV o RAV;
  4. inserire, ricopiandoli accuratamente, i dati del pagamento (in particolare il numero identificativo ed il numero di conto corrente C/C dell’azienda a cui andrà il pagamento)
  5. effettuare il pagamento, ovviamente assicurandosi di disporre della somma necessaria all’interno del proprio conto.

Metodo 2: PagaComodo, pagare i bollettini con carta VISA e Mastercard

Questo servizio è gestito da PayTipper (Istituto di Pagamento autorizzato all’operatività da Banca d’Italia) e permette di pagare bollettini con commissione di solo 1,50€; sono ammessi bollettini MAV, postali, RAV, Freccia e pagoPA, mentre il pagamento avviene con la vostra carta di credito mediante sistema di protezione Verified by VISA e MasterCard SecureCode. Sito: PagaComodo.it

Metodo 3: Sito delle Poste Italiane

Se avete aperto un conto corrente o una carta prepagata presso le Poste Italiane, in genere il sito web ufficiale offre l’opportunità di pagare bollettini direttamente online. Per farlo basta quindi:

  1. entrare nel sito web delle poste;
  2. procurarsi le credenziali di accesso per poter accedere al proprio conto (username e password);
  3. accedere nel sito, una volta loggati, alla sezione in cui sia presente il pagamento di bollettini, MAV o RAV;
  4. inserire, ricopiandoli accuratamente, i dati del pagamento (in particolare il numero identificativo ed il numero di conto corrente C/C dell’azienda a cui andrà il pagamento)
  5. effettuare il pagamento, ovviamente assicurandosi di disporre della somma necessaria all’interno del proprio conto.

Per pagare un bollettino nel sito delle poste dovrete avere una PostePay collegata con i soldi pre-caricati, oppure una carta BancoPoste collegata al vostro conto postale. Sito: Poste.it

Metodo 4: app per pagare le bollette

Se avete uno smartphone Android ed un account Paypal oppure una carta di credito o prepagata abilitata, le possibilità a riguardo non mancano neanche in questo caso: ogni azienda che richieda pagamenti di bollette dispone infatti, di solito, di un’app che permette di effettuare i pagamenti in modo istantaneo. Tali app sono:

Originally posted 2018-05-31 12:36:11.

Leggi anche:

4.27/5 (11)

Ti ha soddisfatto?


05/11/2018

Leggi articolo precedente:
La mia banca ha scoperto che vado sui siti porno

Questa storia è imbarazzante, ma molto istruttiva e (secondo me, s'intende) divertente da raccontare: del resto, chi non ha mai...

Chiudi