Da Stripe ad Amazon Pay: le migliori alternative a PayPal per pagare online

I pagamenti digitali sono ormai all’ordine del giorno, merito non soltanto di un utilizzo sempre più frequente di servizi online e siti di e-commerce ma anche degli elevati livelli di sicurezza raggiunti da tali strumenti, che oggi vengono apprezzati anche dai meno avvezzi alle nuove tecnologie. PayPal rimane, in quest’ambito, una delle piattaforme più usate in assoluto ma non mancano alternative altrettanto valide e in grado di coprire esigenze più specifiche di venditori e consumatori. Vediamone alcune in questo articolo.

Source

Perché sostituire o integrare PayPal con altri strumenti di pagamento

Prima di scoprire quali sono alcune delle migliori alternative a PayPal, è lecito chiedersi perché un venditore dovrebbe sostituire o quanto meno integrare la storica piattaforma con altri metodi di più recente introduzione. I motivi possono essere diversi, ma occorre sempre tener conto delle specifiche esigenze per valutare come muoversi nella maniera opportuna. PayPal, infatti, al di là di tutte le critiche che possono essere mosse, rimane in tal senso il brand più conosciuto e la sua presenza sui siti di e-commerce, specie se si tratta di piccole realtà o di store appena pubblicati, può rappresentare anche un’importantissima leva per acquisire la fiducia del cliente, che sa di poter contare su livelli di tutela altissimi rispetto a quanto garantito da altri operatori.

Va anche detto, però, a beneficio dei venditori, che PayPal presenta commissioni tutt’altro che basse, con extra in caso di transazioni con cambio valuta, e che non tutti i clienti dispongono di un account PayPal collegato a una carta o a un conto corrente, il che può rendere impossibile la conclusione dell’acquisto se non si offrono modalità alternative.

Una volta considerati i singoli aspetti legati alla propria attività commerciale e al tipo di transazioni più comunemente effettuate, questi motivi possono spingere l’utente a valutare se utilizzare altri strumenti per processare i pagamenti digitali, magari scegliendo proprio di integrarli a PayPal, così da non perdere nessuna opportunità online.

Skrill

Una delle alternative a PayPal più apprezzate in assoluto è Skrill, una piattaforma digitale che negli ultimi anni ha conosciuto una crescita esponenziale in termini di valore delle transazioni processate. Skrill offre un servizio molto valido, con gestione multivaluta, opzioni personalizzate per il checkout e pagamenti rapidi o tramite wallet digitale.

Il successo di Skrill è legato principalmente alle commissioni molto più basse sui pagamenti effettuati con carte di credito e debito rispetto a PayPal, agli elevati livelli di protezione garantiti e alla disponibilità di API integrabili sulle diverse piattaforme di e-commerce, fattore quest’ultimo che garantisce ai venditori un’elevata flessibilità di utilizzo a prescindere dalla struttura su cui poggia il singolo negozio.

Source

Stripe

Alcune piattaforme di pagamento operano come intermediarie nel processamento dei pagamenti online, fungendo al tempo stesso sia come strumento per effettuare la transazione che come soggetti atti a verificare la correttezza della stessa. I livelli raggiunti da questi strumenti sono ormai altissimi, tanto da essere ampiamente utilizzati anche in comparti di particolare complessità, come quelli del trading o dei casino digitali. Chi utilizza questi ultimi per passare il tempo con i più recenti giochi di roulette o slot online, infatti, può contare sulla presenza di protocolli di sicurezza particolarmente rigidi e su sistemi di pagamento che garantiscono il pieno criptaggio dei dati relativi alle carte o ai conti bancari associati.

Stripe è uno dei nomi più conosciuti da questo punto di vista: la piattaforma, attiva in oltre 25 nazioni, permette di processare senza rischi e in maniera davvero facile i pagamenti che provengono da carte di credito e debito sui circuiti MasterCard, Visa, American Express e Maestro, ma anche da bonifici e wallet digitali. Le commissioni convenienti e la facilità di gestione rendono Stripe un ottimo strumento da integrare a PayPal sul proprio e-commerce.

Wallet digitali

Tra gli strumenti di pagamento più in voga, è impossibile non citare i wallet digitali, come Google Pay e Apple Pay, che consentono di gestire le transazioni direttamente dallo smartphone. In buona sostanza, i wallet digitali trasformano lo smartphone in un mezzo per effettuare qualsiasi tipo di pagamento, il tutto grazie alla possibilità di registrare al loro interno una o più carte e di usarle a seconda del bisogno per pagare sia online che nei negozi fisici abilitati.

Anche in questo caso, sicurezza e facilità d’uso rappresentano le leve fondamentali su cui poggia la qualità del servizio, ma altrettanto importante è il fatto che tanto Apple Pay quanto Google Pay siano implementabili senza costi fissi né commissioni sulle singole transazioni.

Non ha ancora votato nessuno: ti va di dire la tua?

Che ne pensi?