Cassetto fiscale: da oggi 1 ottobre 2021 solo con SPID, Cie o Carta Nazionale Servizi

Prosegue il lavoro di digitalizzazione dell’Agenzia delle Entrate: se fino ad oggi l’accesso ai servizi del Cassetto Fiscale era garantito mediante vari sistemi di autenticazione ormai obsoleti, e stando a quanto suggerito dal decreto Semplificazioni n. 76/2020. L’innovazione passa nelle modalità di accesso, che da OGGI saranno di tre tipi:

  • via SPID (vedi qui per info)
  • mediante Cie (Carta d’Identità Elettronica)
  • mediante CNS (Carta Nazionale Servizi)

Il 30 settembre sono state dismesse le altre modalità di accesso per i singoli cittadini, basate su Fisconline, Entratel e Sister., con l’unica eccezione delle aziende ed i professionisti che potranno ancora continuare a farne uso in deroga. La password di Fisconline ha smesso, come annunciato a suo tempo (15 settembre 2021) di essere attiva, per cedere il passo ad un’autenticazione più sicura e funzionale come quella basata su SPID (strumento che ci sentiamo di consigliare tra i tre, per la sua maggiore facilità d’uso).

Ricordiamo anche che per avere lo SPID basta essere maggiorenni, avere un documento in corso di validità, il codice fiscale / tessera sanitaria ed un indirizzo email valido. Lo SPID si potrà sia comprare online (ad esempio con Namirial) oppure si può richiedere gratis agli uffici delle Poste.

L’innovazione riguarderà di conseguenza anche i siti come quello dell’INPS o dell’Inail, che si dovranno accedere sempre mediante SPID (che, lo ricordiamo, è un modo per garantire l’accesso al cittadino garantendo la propria identità, e mediante autenticazione forte con chiave privata e OTP generato da app apposita). Il Decreto semplificazioni, in tal senso, ha voluto dare una spinta molto decisa sulle modalità di accesso, per garantire un servizio alla portata di chiunque e riducendo così, se possibile, le code agli sportelli.

Appuntamento rispetto ad oggi 1 ottobre 2021, data in cui ha inizio ufficialmente l’era degli accessi digitali sicuri e non più basati su password ed email, ma mediante firma digitale e autenticazione forte.

Comunicato stampa ufficiale

Foto di mohamed Hassan da Pixabay

Non ha ancora votato nessuno: ti va di dire la tua?

Che ne pensi di questo articolo?

Seguici su Telegram: @pagareonline


Pagare.Online è gestito e scritto prevalentemente da Salvatore Capolupo