Cosa cambia tra banca virtuale e quella tradizionale

Leggendo vari articoli sul web sembrerebbe che i vantaggi della banca virtuale rispetto a quella tradizionale siano enormi: ma è davvero così? In genere lo è, ma dipende molto dalle condizioni contrattuali e dal tipo di offerte che ci vengono proposte.

Cos’è una banca tradizionale

Una banca tradizionale è la banca classica che conosciamo: Monte dei Paschi di Siena, ad esempio, è una banca tradizionale che possiede sportelli su tutto il territorio nazionale. In genere le banche tradizionali, ad oggi, offrono anche servizi di home banking, ovvero servizi online accessibili tramite app ufficiale della banca oppure mediante il sito ufficiale su desktop, smartphone e tablet di ogni genere. Per queste banche l’home banking offre servizi come quelli di pagamento di mutui, F24, bonifici in ingresso ed in uscita e pagamento di bollette, multe, MAV, RAV e tasse. L’home banking è un servizio molto utile, anzi fondamentale, per fare pagamenti online.

In genere le banche virtuali possono fornire assistenza via sportello bancario, telefono, chat o email.

Cos’è una banca virtuale

Una banca online è un istituto di credito a tutti gli effetti, solo che a differenza della banca tradizionale non possiede sportelli, per cui queste banche non hanno uffici aperti al pubblico: al massimo, possono avere in alcune città uffici per le consulenze (prestiti, informazioni, ecc.). La mancanza degli sportelli ha un effetto immediato sull’abbattimento dei costi, rendendo così le banche virtuali più economiche in termini di spese di mantenimento, costi delle operazioni o transazioni e numerosi vantaggi in termini di eliminazione delle file: si fa tutto online. Per questo è un servizio che permette in modo naturale di fare pagamenti online. Per diventare clienti di una banca virtuale è necessario inviare documentazione via internet, compilando un form con tutti i propri dati: carte di ogni genere, assegni e documentazione saranno pertanto inviati per posta. Un esempio di banca virtuale molto popolare è ad esempio ViaBuy.

In genere le banche virtuali danno assistenza via telefono, chat o email.

Vantaggi dell’home banking (banche tradizionali)

Il vantaggio della banca tradizionale è legata alla presenza e disponibilità di uno sportello, presso il quale possiamo recarci ed effettuare le operazioni con un impiegato davanti a noi. Questo contatto umano, in effetti, è ancora oggi preferito da alcuni, e per questo gli stessi tendono a preferire le banche tradizionali – fermo restando l’uso dell’home banking che ormai quasi tutte le banche tradizionali offrono ai propri clienti.

Vantaggi dei conti online (banche virtuali)

Aprire un conto online costa meno che farlo allo sportello bancario, in genere: i conti correnti aperti online permettono di risparmiare parecchio sulle spese, rispetto a quelli delle banche tradizionali: le tariffe per il bollo ed i costi di mantenimento sono generalmente ridotti o, in certi casi, addirittura nulli per le banche online. Questo è uno dei principali vantaggi, senza alcun dubbio.

 

Pubblicità:


(fonte)

Nessuna valutazione, per ora.

Ti ha soddisfatto?

Leggi articolo precedente:
Carte di credito senza busta paga: quali scegliere

Le carte revolving, senza busta paga o carte di credito rateali sono carte di pagamento che, a determinate condizioni contrattuali...

Chiudi