Carta di credito BancoPosta: quali sono i vantaggi?

Nel mondo dei prodotti economici e finanziari, il Gruppo Poste Italiane ha assunto, ormai da diverso tempo, un ruolo d’assoluto protagonista. La concezione dell’ufficio postale come luogo adibito al solo invio di lettere e raccomandate, è  alquanto antiquata. E gli italiani, oggi, hanno ben chiaro quali siano le numerose offerte che possono trovare negli uffici postali delle proprie città, paesi o quartieri. Oltre al mondo del risparmio, con offerte che variano dal vecchio e caro libretto postale fino a prodotti finanziari complessi attinenti al mondo del risparmio gestito e assicurativo, le Poste si sono mostrate all’avanguardia nel settore della moneta elettronica, dove sono state in grado di anticipare frequentemente le tendenze di mercato con la proposizione di prodotti innovativi e di forte appeal.

Dalle PostePay a BancoPostaPiù: allo sportello postale cresce la qualità dei prodotti offerti

Il caso più eclatante, in tal senso, è rappresentato dalla Postepay, la carta ricaricabile, dati alla mano, di gran lunga più utilizzata dai cittadini italiani. Un successo, quello della Postepay, nato all’inizio del nuovo millennio grazie ad un’intelligente operazione di marketing, condita da spot pubblicitari che hanno saputo valorizzare, concretamente, i vantaggi di questo strumento di pagamento. E che ha costretto i competitor del mondo bancario, considerati talvolta a sproposito di Serie A rispetto a BancoPosta, a dover rincorrere e copiare la strategia messa in campo dal rivale, senza ottenere, tuttavia, lo stesso successo riscontrato dall’istituto di Cassa Depositi & Prestiti. La potenza di fuoco di Poste Italiane, d’altronde, è nota a tutti nel mondo finanziario: nessun altro istituto italiano può vantare la medesima capillarità di sportelli, oltre a poter beneficiare dell’apertura in un giorno strategico come il sabato.

Nel tempo, l’offerta di prodotti legati alla moneta elettronica da parte di BancoPosta si è evoluto e ampliato considerevolmente, mettendo a disposizione dei propri clienti un’ampia scelta paragonabile, in tutto e per tutto, a quella dei più importanti istituti bancari. La vasta gamma offerta nel mondo delle carte di credito, ad esempio, ne è la più fulgida testimonianza. Le carte di credito BancoPosta sono in grado di soddisfare anche gli esigenti palati degli amanti dello shopping, grazie a prodotti sicuri e al passo coi tempi. La carta di credito più ricercata è, indubbiamente, la BancoPostaPiù. Accessibile con un modesto esborso economico annuo, questo strumento è in grado di offrire diverse opzioni di pagamento, come la possibilità, tramite la funzione Revolving, di rateizzare comodamente l’ammontare complessivo delle spese sostenute in un mese: tutte le caratteristiche della carta bancoposta più si possono trovare qui.

Sicure, convenienti e comode: i vantaggi delle carte di credito BancoPosta

Il carnet di carte disponibili, poi, viene completato da BancoPosta Classica e BancoPosta Oro, la carta, quest’ultima, che dispone di un elevato plafond mensile (€.5200,00) accompagnato da un grado di accettazione senza eguali, oltre ad un servizio di assistenza appositamente creato ad hoc per i titolari. Tutte queste carte di credito sono appoggiate al circuito Mastercard, il più importante player del mercato dei pagamenti elettronici, e consentono di effettuare acquisti in ogni angolo del mondo, oltre che sul web. Tramite un servizio clienti dedicato, il cliente può gestire le diverse modalità di rimborso delle spese più importanti, oltre che disporre di una puntuale rendicontazione online in grado di monitorare le operazioni effettuate con la propria carta di credito.

Un tratto caratteristico di questa carte, è la sicurezza. Tutte, infatti, consentono di essere puntualmente avvisati qualora venga effettuato un acquisto: grazie ad un SMS, al titolare è notificato l’addebito relativo ad un’operazione effettuata; qualora non fosse stata effettivamente eseguita dallo stesso, consente di bloccare immediatamente la carta ed evitare ulteriori utilizzi fraudolenti. Inoltre, grazie al servizio Mastercard SecureCode/Mastercard Identity Check, tutte le operazioni effettuate online rispettano elevati standard di sicurezza, mettendo al sicuro le spese effettuate dal titolare della carta di credito.

 

Non ha ancora votato nessuno: ti va di dire la tua?

Che ne pensi?

Come prelevare dei contanti da una carta prepagata Nexi

Introduzione

Da quando sono possessore di una prepagata Nexi non mi era mai successo di dover versare dei contanti, prima di allora, sulla mia carta prepaid Nexi; così ho dovuto chiedere in assistenza (con la chat dell’app ufficiale, nello specifico, che è molto semplice e comoda) come si facesse questa operazione, visto che si tratta di una banca virtuale per cui non ci sono uffici come per le banche tradizionali. La risposta cercata è molto semplice, in realtà, e ve la riporto qui per vostra comodità.

Come fare a prelevare dei contanti sulla prepagata Nexi? Ovviamente per farlo sarà necessario andare ad uno sportello ATM o bancomat, di qualsiasi banca, ed effettuare un prelievo da lì.

Come effettuare il prelievo

Una volta inserita la carta vi verrà richiesto di scegliere la modalità di azione: e voi dovrete selezionare prelievo da Circuito Internazionale. Nel nostro test abbiamo provato ad effettuare il prelievo di 20€ dalla carta da uno sportello Unipol.

Quanto costa il prelievo da carta Nexi

Purtroppo in questo caso il prelievo sarà soggetto in ogni caso ad una commissione che verrà detratta dalla vostra carta al momento del prelievo. La commissione sarà pari al 4% dell’importo prelevato, quindi:

  • se prelevate ad esempio 20 € pagherete 0,80€ su ogni prelievo di questo tipo.
  • se ne prelevate 100€, invece, pagherete ben 4€ di commissione.

Il minimo di commissione sarebbe di 0,52 Euro, almeno nominalmente, ma è un minimo non effettivo: il problema è che la maggiorparte dei bancomat, infatti, non permette di prelevare meno di 20€ alla volta. Quindi la commissione minima, di fatto, è i 80 centesimi a prelievo di 20 €, considerando che si tratta di un’operazione sul Circuito Internazionale.

Idealmente, quindi, conviene utilizzare questa carta per prelevare contanti soltanto per prelevare da 20 a massimo 50 euro, in modo da avere una commissione di massimo 2€ che è in linea, quantomeno, con quelle che paghereste prelevando con prepagata da altra banca (PostePay, ad esempio, costa 1€ a prelievo sempre e comunque, il prelievo invece 2€ per altre banche)

Come previsto dal Circuito Internazionale, comunque, le Banche e/o i terzi proprietari o gestori degli ATM possono applicare ulteriori commissioni che, in genere, vengono evidenziate dalla banca stessa. Nel caso Unipol, poi, sembra che una commissione ulteriore da parte loro non sia stata applicata.

Non ha ancora votato nessuno: ti va di dire la tua?

Che ne pensi?